Notizie e commenti

L’AIAC saluta Marco Breschi

Ci ha lasciato prematuramente, a seguito di un incidente stradale, il collega Marco Breschi. Nato 46 anni fa a Grosseto, Marco si era laureato in Medicina e specializzato in Cardiologia all’Università di Siena. Appassionatosi nel corso della specializzazione all’elettrofisiologia ha sempre lavorato presso la Cardiologia di Grosseto dedicandosi all’impiantistica e all’elettrofisiologia invasiva. Da qualche anno si era dedicato alla chiusura dell’auricola sinistra diventando il riferimento locale per questa metodica. Appassionato fotografo, amava viaggiare regalando agli amici splendide immagini dagli angoli più estremi della Terra.

Già consigliere Regionale AIAC per la Toscana si è sempre impegnato per un uso delle metodiche invasive nel rispetto del ragionamento clinico e della dignità del paziente e degli operatori.

Lascia un vuoto immenso tra i suoi colleghi ed amici, che da sempre ne hanno apprezzato la grandissima generosità  e lo spirito arguto e indipendente. Fa buon viaggio Marco, i Tuoi Colleghi dell’Elettrofisiologia di Grosseto ti portano nel loro cuore con immenso affetto.

 

I Colleghi dell’Elettrofisiologia di Grosseto a nome di tutta la Comunità Aritmologica Toscana e del Consiglio Nazionale AIAC

 

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi