Notizie e commenti

L’AIAC saluta Marco Breschi

Ci ha lasciato prematuramente, a seguito di un incidente stradale, il collega Marco Breschi. Nato 46 anni fa a Grosseto, Marco si era laureato in Medicina e specializzato in Cardiologia all’Università di Siena. Appassionatosi nel corso della specializzazione all’elettrofisiologia ha sempre lavorato presso la Cardiologia di Grosseto dedicandosi all’impiantistica e all’elettrofisiologia invasiva. Da qualche anno si era dedicato alla chiusura dell’auricola sinistra diventando il riferimento locale per questa metodica. Appassionato fotografo, amava viaggiare regalando agli amici splendide immagini dagli angoli più estremi della Terra.

Già consigliere Regionale AIAC per la Toscana si è sempre impegnato per un uso delle metodiche invasive nel rispetto del ragionamento clinico e della dignità del paziente e degli operatori.

Lascia un vuoto immenso tra i suoi colleghi ed amici, che da sempre ne hanno apprezzato la grandissima generosità  e lo spirito arguto e indipendente. Fa buon viaggio Marco, i Tuoi Colleghi dell’Elettrofisiologia di Grosseto ti portano nel loro cuore con immenso affetto.

 

I Colleghi dell’Elettrofisiologia di Grosseto a nome di tutta la Comunità Aritmologica Toscana e del Consiglio Nazionale AIAC

 

Ultimi articoli

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi

Rischio di morte non improvvisa nei pazienti portatori di ICD: sottoanalisi del registro OBSERVO-ICD

Pubblicati i risultati di un'analisi che ha valutato l’accuratezza e l’utilità dello score MAGGIC (Meta-Analysis Global Group in Chronic Heart Failure) nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione sottoposti ad impianto di ICD.

Leggi