Notizie e commenti

Le differenze di genere nel mondo dell'elettrofisiologia

Le donne sono ancora sottorappresentate nel mondo dell’elettrofisiologia e poche hanno raggiunto posizioni dirigenziali. È quanto emerge dalla Survey Global career Choices in EP promossa dall’Electrophysiologist International Community Alliance (EPIC Alliance).


Al recente congresso Progress in Clinical Pacing che si tenuto a Roma, la professoressa Jeanne Poole dell’Università di Washington ha presentato i risultati preliminari della Survey “Global career Choices in EP”

La Survey condotta on-line nel periodo di ottobre-novembre 2012 si era posta l’obiettivo di fotografare quale sia la realtà dei percorsi formativi a livello europeo e statunitense e quale fosse la percezione sulle difficoltà incontrate nel percorso formativo in elettrofisiologia.

Di rilievo è stata la partecipazione degli aritmologi italiani, che grazie al link alla Survey presente sul nostro sito AIAC, hanno contribuito per il 15% dei questionari completati (con una partecipazione globale di aritmologi statunitensi 35%, tedeschi 9%, inglesi 9%, altri stati 32%). Equilibrata la risposta tra donne e uomini ( 53% vs 47%). Negli Stati Uniti le donne rappresentano il 12% dei cardiologi clinici, meno del 10% dei cardiologi interventisti e il 30% dei cardiologi pediatri; nel biennio 2011/2012 nei percorsi di specializzazione in cardiologia e in cardiologia interventistica degli Stati Uniti le donne rappresentano rispettivamente il 20% ed il 12% dei partecipanti.

Sono interessanti i dati che emergono sull’importanza di avere un mentore durante il percorso di formazione invasiva in elettrofisiologia: sicuramente la disponibilità e le qualità umane del mentore emergono come determinanti nell’aiuto per un giovane cardiologo che si affaccia al percorso invasivo di elettrofisiologia, ma una donna mentore viene spesso considerata più comprensiva e di supporto nel capire come trovare un equilibrio tra vita e lavoro.

Un altro dato significativo evidenziato dalla Survey è la differenza di genere percepita nell’offerta di opportunità ai giovani elettrofisiologi, ma d’altra parte è diffusa anche l’idea che lavorando intensamente ( e più dei colleghi uomini) le donne possano avere le stesse opportunità di carriera.

Per quanto concerne la vita privata risulta che il 32% delle donne sono single versus solo il 9% degli uomini e più frequentemente vivono da sole o solo con i figli. Inoltre, le donne utilizzano significativamente più tempo per lavorare a casa e si occupano di più della gestione della casa e dei parenti anziani. Rispetto agli uomini prendono meno giorni di ferie, rispettivamente 61% vs 70% per >21 gg/anno. Un altro dato interessante è che più frequentemente le donne lavorano più di 12 ore al giorno ( 25% vs 15%). Emerge quindi una maggiore difficoltà per le donne nel trovare un equilibrio nella vita privata.

Riguardo allo stato di soddisfazione percorso lavorativo: lo è il 70% delle donne versus l’80% degli uomini. Mentre solo il 40%, indipendentemente dal sesso, si ritiene appagato dal punto di vista economico.

In conclusione, la Survey rileva che le donne sono sottorappresentate nel mondo dell’elettrofisiologia e poche hanno raggiunto posizioni dirigenziali (dato noto negli USA da una Survey dell’Heart Rhythm Society); inoltre nonostante situazioni lavorative simili, le donne percepiscono di non avere le stesse opportunità di carriera degli uomini e sono meno soddisfatte degli obiettivi raggiunti. Molte donne, ma non tutte, hanno la percezione di essere state discriminate nel loro percorso e di non avere supporto per la gestione dell’ambito familiare.

La collaborazione internazionale tra le donne nel mondo della cardiologia interventistica è sicuramente un obiettivo da raggiungere per aiutare e consigliare chi trova difficoltà nel percorso formativo e nell’equilibrio tra vita lavorativa e familiare, come si propone l’EPIC Alliance.

Laura Vitali Serdoz
S.C. Cardiologia
Azienda Ospedaliera Universitaria di Trieste

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi