Notizie e commenti

LifeVest, il defibrillatore indossabile

Il rischio di morte improvvisa rappresenta ad oggi, un problema di importanti dimensioni, che coinvolge in modo rilevante oltre 80.000 persone ogni anno in Italia.

Il defibrillatore indossabile LifeVest è un dispositivo esterno e assolutamente innovativo, in grado di proteggere il paziente, dal rischio di morte improvvisa, permettendo così al medico un’accurata valutazione del paziente e della sua evoluzione clinica.

È importante ricordare che l’utilizzo del LifeVest, permette ai pazienti di essere dimessi dall’ospedale e di ritornare alle loro normali attività, con un’adeguata qualità di vita, pur essendo continuamente protetti dal rischio di morte improvvisa.

Le principali indicazioni del LifeVest, lo propongono per l’utilizzo in seguito a:

  • infarto del miocardio
  • applicazione di uno stent
  • by-pass aorto-coronarico
  • cardiomiopatia reversibile
  • insufficienza cardiaca congestizia
  • casi di infezioni di tasca o elettro-catetere
  • attesa di un trapianto di cuore.

Maggiori informazioni su LifeVest,sono disponibili in questa pagina.

 

seda_banner

Ultimi articoli

Impatto della pandemia COVID-19 sull’uso del monitoraggio remoto in Italia: la survey AIAC

Sul Journal of Clinical Medicine sono stati pubblicati i risultati della survey AIAC sull'impatto della pandemia COVID-19 sulla diffusione del monitoraggio remoto dei dispositivi cardiaci impiantabili e della telecardiologia in Italia.

Leggi

ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione

Sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati di un’esperienza multicentrica italiana sull'efficacia e la sicurezza di un ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione.

Leggi

Gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia: la survey AIAC

I risultati di una survey a diffusione nazionale promossa dall’Area “Raggi Zero” dell’AIAC sulla gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi