Notizie e commenti

LifeVest, il defibrillatore indossabile

Il rischio di morte improvvisa rappresenta ad oggi, un problema di importanti dimensioni, che coinvolge in modo rilevante oltre 80.000 persone ogni anno in Italia.

Il defibrillatore indossabile LifeVest è un dispositivo esterno e assolutamente innovativo, in grado di proteggere il paziente, dal rischio di morte improvvisa, permettendo così al medico un’accurata valutazione del paziente e della sua evoluzione clinica.

È importante ricordare che l’utilizzo del LifeVest, permette ai pazienti di essere dimessi dall’ospedale e di ritornare alle loro normali attività, con un’adeguata qualità di vita, pur essendo continuamente protetti dal rischio di morte improvvisa.

Le principali indicazioni del LifeVest, lo propongono per l’utilizzo in seguito a:

  • infarto del miocardio
  • applicazione di uno stent
  • by-pass aorto-coronarico
  • cardiomiopatia reversibile
  • insufficienza cardiaca congestizia
  • casi di infezioni di tasca o elettro-catetere
  • attesa di un trapianto di cuore.

Maggiori informazioni su LifeVest,sono disponibili in questa pagina.

 

seda_banner

Ultimi articoli

Ricordo del prof. Giuseppe Oreto

Il ricordo del prof. Giuseppe Oreto a firma di Gaetano Satullo che ne ripercorre la cultura, la poliedricità e la genialità attraverso il racconto di una storia lunga 40 anni.

Leggi

Club AIAC: il quarto appuntamento sarà martedì 21 maggio

Nuovo appuntamento per il Club AIAC martedì 21 maggio dalle ore 17.00 alle ore 19.00. A presentare questo terzo appuntamento webinar saranno Carlo Lavalle (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Vice Presidente) e Pier Luigi Pellegrino (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Consigliere – Coordinatore Aree e Task Force).

Leggi

I Convegno Nazionale AIAC Giovani – L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido

Il 24 e 25 maggio 2024 si terrà a Napoli, presso l’Hotel NH Napoli Panorama il primo Convegno Nazionale AIAC Giovani, dal titolo “L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido”.

Leggi