Notizie e commenti

Longevità dei device, grande variabilità tra i diversi produttori

La longevità della batteria rappresenta un fattore predominante per la corretta selezione del dispositivo cardiaco impiantabile. Tuttavia, ancora oggi si sente la mancanza di una completa standardizzazione – tra tutti i produttori – circa le longevità attese dei dispositivi, la quale consentirebbe una scelta più consapevole da parte degli utilizzatori. È questa la conclusione a cui è giunto uno studio, pubblicato recentemente sulla rivista Heart Rhythm, che ha preso in considerazione la longevità dei moderni dispositivi impiantabili e i fattori che sono in grado di influenzarla.

Risultati principali dello studio

  • In condizioni controllate, la media della massima longevità stimata degli ICD e CRT-D è stata rispettivamente di 12,4 e 8,8 anni.
  • Le differenze di longevità stimata tra i diversi produttori sono state: 7 anni per gli ICD (VR; 0% stimolazione; solo reforming dei generatori; algoritmi accesi) e 5.3 anni per i CRT-D (15 % A & 100% stimolazione Biv; solo reforming dei generatori; algoritmi accesi).

Fattori che influiscono sulla longevità dei dispositivi

  • Per incrementare la longevità dei dispositivi, è più utile selezionare appropriatamente il produttore piuttosto che agire sulla programmazione dei device.
  • La capacità della batteria e il drenaggio intrinseco di corrente sono i fattori principali che determinano la longevità del CIED.
  • La longevità può essere inoltre incrementata attivando algoritmi particolari, come l’autosoglia, la riduzione del pacing o, in alternativa, disattivando gli algoritmi che consumano energia.

Conclusioni

Negli ICD odierni, la longevità stimata rimane altamente variabile tra i diversi produttori. La longevità degli ICD rappresenta un fattore d’impatto preponderante sui costi della sanità e sugli esiti clinici connessi alle future necessità di sostituzione del dispositivo. È necessario standardizzare urgentemente le indicazioni di longevità stimata da parte dei produttori.

Bibliografia
1. Munawar DA et al. Predicted longevity of contemporary cardiac implantable electronic devices: A call for industry-wide “standardized” reporting. Heart Rhythm 2018; 15(12): 1756 – 1763.

Con il supporto non condizionante di

 

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi