Notizie e commenti

Morosità quota associativa AIAC

Scadenza ultima per saldare le quote associative dovute all’AIAC: 30 giugno 2012. Dopo questa data i soci che non avessero ancora regolarizzato i pagamenti relativi alla quota associativa da almeno 4 anni (antecedente, quindi, all’anno 2010), verranno considerati soci decaduti con effetto immediato.

 

 

 

 

La lettera del Presidente e del Tesoriere

Il Consiglio Direttivo AIAC, riunitosi in data 31 maggio 2012, a Firenze, ha deliberato sulla questione della morosità relativa alla quota associativa AIAC quanto segue: i soci che non avessero ancora regolarizzato i pagamenti relativi alla quota associativa da almeno 4 anni (antecedente, quindi, all’anno 2010) verranno considerati soci decaduti con effetto immediato a partire dal giorno 30 giugno 2012 se entro tale data non avranno provveduto a saldare, in unica soluzione, le quote associative dovute all’AIAC; il socio decaduto non riceverà più la rivista Giornale Italiano di Aritmologia e Cardiostimolazione e non avrà più diritto di voto nell’ambito dell’attività associativa; il socio decaduto  non potrà, inoltre, rinnovare l’iscrizione all’AIAC prima del gennaio 2014. 

I soci che volessero controllare il proprio stato di pagamento lo potranno fare scrivendo un’email o telefonando a Laura De La Pierre, Segretaria dell’AIAC (e-mail: segreteria@aiac.it – tel 06 42020412, orario telefonico: 9.00-13.00 dal lunedì al venerdì).

Si ricorda, inoltre, che il pagamento della quota associativa può essere effettuato mediante le seguenti modalità: versamento su conto corrente postale c/c 16541013 intestato ad AIAC indicando come causale quota associativa anno …..; oppure bonifico bancario c/o Banca Monte dei Paschi di Siena SpA – Via Abruzzi Ag. 69 – Roma, IBAN  IT 12 U 01030 03299 000 000 669688 intestato ad AIAC.

Il Tesoriere
Dott. Biagio Sassone

 Il Presidente
Prof. Luigi Padeletti

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi