Notizie e commenti

RESPOND-CRT protagonista anche a Cardiostim 2016

Dopo l’Heart Rhytm 2016 i risultati dello studio RESPOND-CRT sono stati presentati in seconda battuta da Jagmeet Singh durante la sessione Late Breaking Devices dell’ultimo congresso Cardiostim che si è tenuto a Nizza. Gli obiettivi primari e secondari dello studio sono stati positivamente raggiunti.

Ricordiamo che RESPOND-CRT ha esaminato l’efficacia clinica della tecnologia del sensore emodinamico SonR™ che misura costantemente la contrattilità cardiaca per un’ottimizzazione automatica e personalizzata della CRT. Il sensore di contrattilità, combinato a un algoritmo di ottimizzazione, misura le vibrazioni generate dal miocardio durante le contrazioni cardiache, correlate alla LV dP/dt max.

Complessivamente sono stati arruolati 1039 pazienti di 12 diversi Paesi. In sintesi, i risultati hanno confermato che l’ottimizzazione garantita dal sensore SonR™ è altrettanto sicura ed efficace dell’ottimizzazione eco-guidata dei ritardi AV e VV, oggi considerata best practice.

Nel gruppo di pazienti randomizzati a ricevere la nuova tecnologia – ha ribadito il dottor Singh del Massachusetts General Hospital Boston USA – è stato infatti riscontrato, con il 75% di responder, il più elevato tasso di risposta alla CRT mai ottenuto da un sistema di ottimizzazione automatico e una riduzione del 35% del rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco a due anni (tabella 1).

Tabella 1. Frequenza di ospedalizzazione per scompenso cardiaco

 SonREcho
Numero di pazienti670328
Pazienti ospedalizzati (%)591 (88,2%)270 (82,3%)
Pazienti ospedalizzati una sola volta (%)47 (7,0%)39 (11,9%)
Pazienti ospedalizzati due o più volte (%)32 (4,8%)19 (5,8%)

 

Con il supporto non condizionato di
livanova2

Asbstract

Singh JP, Delnoy PP, Brachmann J, et al. The SONR hemodynamic sensor guided resynchronization therapy is associated with reduction in heart failure hospitalization: results from the respond-crt trial. Cardiostim 2016 (PDF: 30 Kb)

Articoli correlati

RESPOND-CRT trial: con SonR meno ospedalizzazione per scompenso cardiaco

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi