Notizie e commenti

RESPOND-CRT protagonista anche a Cardiostim 2016

Dopo l’Heart Rhytm 2016 i risultati dello studio RESPOND-CRT sono stati presentati in seconda battuta da Jagmeet Singh durante la sessione Late Breaking Devices dell’ultimo congresso Cardiostim che si è tenuto a Nizza. Gli obiettivi primari e secondari dello studio sono stati positivamente raggiunti.

Ricordiamo che RESPOND-CRT ha esaminato l’efficacia clinica della tecnologia del sensore emodinamico SonR™ che misura costantemente la contrattilità cardiaca per un’ottimizzazione automatica e personalizzata della CRT. Il sensore di contrattilità, combinato a un algoritmo di ottimizzazione, misura le vibrazioni generate dal miocardio durante le contrazioni cardiache, correlate alla LV dP/dt max.

Complessivamente sono stati arruolati 1039 pazienti di 12 diversi Paesi. In sintesi, i risultati hanno confermato che l’ottimizzazione garantita dal sensore SonR™ è altrettanto sicura ed efficace dell’ottimizzazione eco-guidata dei ritardi AV e VV, oggi considerata best practice.

Nel gruppo di pazienti randomizzati a ricevere la nuova tecnologia – ha ribadito il dottor Singh del Massachusetts General Hospital Boston USA – è stato infatti riscontrato, con il 75% di responder, il più elevato tasso di risposta alla CRT mai ottenuto da un sistema di ottimizzazione automatico e una riduzione del 35% del rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco a due anni (tabella 1).

Tabella 1. Frequenza di ospedalizzazione per scompenso cardiaco

 SonREcho
Numero di pazienti670328
Pazienti ospedalizzati (%)591 (88,2%)270 (82,3%)
Pazienti ospedalizzati una sola volta (%)47 (7,0%)39 (11,9%)
Pazienti ospedalizzati due o più volte (%)32 (4,8%)19 (5,8%)

 

Con il supporto non condizionato di
livanova2

Asbstract

Singh JP, Delnoy PP, Brachmann J, et al. The SONR hemodynamic sensor guided resynchronization therapy is associated with reduction in heart failure hospitalization: results from the respond-crt trial. Cardiostim 2016 (PDF: 30 Kb)

Articoli correlati

RESPOND-CRT trial: con SonR meno ospedalizzazione per scompenso cardiaco

Ultimi articoli

AIAC Trentino-Alto Adige ricorda il Professor Furlanello

"È sempre difficile e doloroso dare l’addio a chi ci lascia. Lo è, in modo speciale, se si tratta di nostri cari, amici e conoscenti che ci sono particolarmente vicini. Ma l’addio risulta doloroso anche se, chi se ne va, ha lasciato, nel suo cammino terreno, un’impronta speciale, significativa, riconoscibile." Il ricordo del professor Furlanello da parte del Direttivo AIAC Sezione Regionale Trentino-Alto Adige.

Leggi

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

La nuova Area Riservata dei soci AIAC: da oggi cambia il modo di vivere l’Associazione

Da oggi è attiva un’Area Riservata dedicata a tutti i soci AIAC. Tutti i soci AIAC per continuare a rimanere associati dovranno obbligatoriamente registrarsi ed accedere all’Area Riservata.

Leggi