Notizie e commenti

RESPOND-CRT protagonista anche a Cardiostim 2016

Dopo l’Heart Rhytm 2016 i risultati dello studio RESPOND-CRT sono stati presentati in seconda battuta da Jagmeet Singh durante la sessione Late Breaking Devices dell’ultimo congresso Cardiostim che si è tenuto a Nizza. Gli obiettivi primari e secondari dello studio sono stati positivamente raggiunti.

Ricordiamo che RESPOND-CRT ha esaminato l’efficacia clinica della tecnologia del sensore emodinamico SonR™ che misura costantemente la contrattilità cardiaca per un’ottimizzazione automatica e personalizzata della CRT. Il sensore di contrattilità, combinato a un algoritmo di ottimizzazione, misura le vibrazioni generate dal miocardio durante le contrazioni cardiache, correlate alla LV dP/dt max.

Complessivamente sono stati arruolati 1039 pazienti di 12 diversi Paesi. In sintesi, i risultati hanno confermato che l’ottimizzazione garantita dal sensore SonR™ è altrettanto sicura ed efficace dell’ottimizzazione eco-guidata dei ritardi AV e VV, oggi considerata best practice.

Nel gruppo di pazienti randomizzati a ricevere la nuova tecnologia – ha ribadito il dottor Singh del Massachusetts General Hospital Boston USA – è stato infatti riscontrato, con il 75% di responder, il più elevato tasso di risposta alla CRT mai ottenuto da un sistema di ottimizzazione automatico e una riduzione del 35% del rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco a due anni (tabella 1).

Tabella 1. Frequenza di ospedalizzazione per scompenso cardiaco

 SonREcho
Numero di pazienti670328
Pazienti ospedalizzati (%)591 (88,2%)270 (82,3%)
Pazienti ospedalizzati una sola volta (%)47 (7,0%)39 (11,9%)
Pazienti ospedalizzati due o più volte (%)32 (4,8%)19 (5,8%)

 

Con il supporto non condizionato di
livanova2

Asbstract

Singh JP, Delnoy PP, Brachmann J, et al. The SONR hemodynamic sensor guided resynchronization therapy is associated with reduction in heart failure hospitalization: results from the respond-crt trial. Cardiostim 2016 (PDF: 30 Kb)

Articoli correlati

RESPOND-CRT trial: con SonR meno ospedalizzazione per scompenso cardiaco

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi