Notizie e commenti

Responsabilità professionale: habemus legem

Responsabilità professionale

Con 168 voti favorevoli, 8 contrari e 35 astenuti, nella seduta di mercoledì 11 gennaio, l’Aula ha approvato, con modifiche, il Ddl 2224, in materia di responsabilità professionale del personale sanitario. Il provvedimento torna alla Camera per l’approvazione definitiva.

Il via libera del Senato in seconda lettura – si legge sul Quotidiamo sanità – rappresenta per la Federazione dei medici di medicina generale, la legge “consentirà ai medici di fare meglio il proprio lavoro, confrontandosi con i propri assistiti anziché con gli avvocati”. Il provvedimento “offre anche maggiore tutela ai cittadini attraverso la via della conciliazione e la certezza sull’entità dei risarcimenti, grazie alla prossima emanazione delle tabelle sulla corresponsione del danno”.

Soddisfatto anche la ministra della salute, Beatrice Lorenzin: “Il via libera del Senato in seconda lettura al disegno di legge sulla responsabilità professionale del personale medico rappresenta un importante passo in avanti per il sistema sanitario del nostro Paese. Il provvedimento, che ora torna all’esame della Camera – ricorda il ministro – garantisce da un lato il diritto del cittadino a essere risarcito in caso di errore medico, e dall’altro tutela maggiormente i professionisti della sanità riducendo il ricorso alla medicina difensiva, un tema al quale il ministero della Salute ha prestato sempre grande attenzione”.

“Auspico che anche il ddl di iniziativa governativa in materia, tra l’altro, di riordino degli Ordini, che porta il mio nome – conclude Lorenzin – possa essere approvato quanto prima dalla Camera dei deputati, così da completare tutta l’opera di riorganizzazione delle professioni sanitarie. Il mio vivo ringraziamento al lavoro svolto dai parlamentari e dal relatore e dalle commissioni”.

Ricordiamo che i pilastri importanti del Ddl 2224 sono:  l’obbligo di assicurazione per tutte le strutture sanitarie pubbliche e private; tentativo obbligatorio di conciliazione e depenalizzazione della colpa sanitaria, ovvero il medico che avrà rispettato linee guida e buone pratiche definite da Società scientifiche e istituzioni, non risponderà penalmente del suo operato, l’istituzione di Centri regionali per la gestione del rischio sanitario e di un Osservatorio nazionale sulla sicurezza in sanità

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi