Notizie e commenti

Rip&Rid: il Bollettino 2013

Sul Giornale Italiano di Cardiologia il Bollettino periodico di Rip&Rid – il Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori dell’AIAC – con tutti i dati relativi all’anno 2013. Vengono presentati i dati riguardanti le principali indicazioni all’impianto di PM o ICD e la tipologia dei PM-ICD impiantati, in base ai dati provenienti dai centri italiani collaboranti.

Tabelle e dati contengono elementi di rilievo non solo per gli aritmologi, ma anche per i cardiologi clinici. In effetti potrebbe essere di potenziale interesse discutere dell’uso estremamente limitato dei pacemaker biventricolari e del costante aumento degli impianti di defibrillatore in prevenzione primaria.

Il Registro Rip&Rid raccoglie prospettivamente l’attività nazionale di impianto sulla base delle Tessere Europee dei portatori di dispositivo. Con i primi mesi del 2012 è attivo il sito web di raccolta dati sull’attività di impianto di pacemaker e defibrillatori in Italia. Questo progetto è stato pensato sia per migliorare e semplificare il rapporto dei Registri con i Centri di cardiostimolazione, sostituendo l’invio via posta delle schede cartacee, sia per semplificare e coadiuvare l’attività degli Ambulatori Pacemaker e Defibrillatori, offrendo fra l’altro la possibilità di produrre delle tessere per il portatore di dispositivo su card in PVC e monitorare l’attività del proprio Centro con alcune statistiche automatiche.

Risultati
Registro Pacemaker: sono stati raccolti dati su 25 419 impianti di PM (19 134 primi impianti e 6285 sostituzioni). Il numero di Centri coinvolti è stato di 275. L’età mediana dei pazienti sottoposti ad impianto è stata di 80 anni (74 I quartile; 86 III quartile). Le indicazioni ECG hanno riguardato difetti della conduzione atrioventricolare nel 43.6% dei primi impianti, aspetti della malattia del nodo del seno nel 24.7%, fibrillazione/flutter atriale associati a bradicardia nel 12.9%, altre indicazioni nel 18.8%. Tra i difetti di conduzione atrioventricolare, i blocchi atrioventricolari di terzo grado hanno rappresentato l’evenienza più comune (23.2% dei primi impianti). PM monocamerali sono stati utilizzati nel 27.2% dei primi impianti, PM bicamerali nel 62.6%, PM biventricolari nell’1.8% e PM atrio-guidati con singolo catetere ventricolare nell’8.4%. Registro Defibrillatori: sono stati raccolti dati su 16 519 impianti (11 474 primi impianti e 5045 sostituzioni). Il numero di Centri coinvolti è stato di 430. L’età mediana dei pazienti sottoposti ad impianto è stata di 71 anni (63 I quartile; 77 III quartile). La prevenzione primaria ha riguardato il 76.0% dei primi impianti, quella secondaria il 24.0%; in particolare l’arresto cardiaco è stato riportato nel 7.8%. ICD monocamerali sono stati utilizzati nel 27.2% dei primi impianti, ICD bicamerali nel 35.9% e ICD biventricolari nel 36.8%.

Conclusioni
Il Registro PM e ICD appare di fondamentale importanza per monitorare l’utilizzo di PM e ICD su scala nazionale con approfondita valutazione delle principali caratteristiche demografiche e cliniche. Il Registro PM ha evidenziato una stabilità nelle indicazioni clinico-elettrocardiografiche all’impianto e una netta prevalenza delle modalità di stimolazione atrio-guidate. L’uso di PM biventricolari ha riguardato invece un numero molto limitato di pazienti. Il Registro ICD ha confermato il costante aumento degli impianti in prevenzione primaria e un elevato utilizzo di ICD biventricolari, in accordo con le linee guida e i grandi trial.

Bibliografia
Proclemer A, Zecchin M, D’Onofrio A, Botto GL, et al. Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori
Bollettino Periodico 2013 – Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione. G Ital Cardiol 2014; 15: 638-50. [full text, PDF: 500 Kb]

Articoli correlati

Registro di pacemaker e ICD
Rip&Rid informatizzato
Rip&Rid web oggi. Le adesioni a Rip&Rid: classifiche e sondaggi (16 dicembre 2014)
La top 20 di Rip&Rid web. La lista dei primi 20 Centri aritmologici italiani che nel 2014 hanno inserito il numero più alto di impianti (14 settembre 2014)

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi