Notizie e commenti

Scatta l'obbligo assicurativo

Si rende noto a tutti gli iscritti che dal 15 agosto 2014 tutti i professionisti, compresi quelli dell’area sanitaria, devono essere assicurati per quanto riguarda la responsabilità civile nell’esercizio della propria attività libero professionale. Rimasta inascoltata la richiesta di proroga della entrata in vigore di tale obbligo avanzata al Ministro della Salute dall’Anaao Assomed.

La legge di conversione del decreto legge 90, approvata nei giorni scorsi, ha ESCLUSO I SOLI DIRIGENTI MEDICI E SANITARI DIPENDENTI DEL SSN IN RAPPORTO ESCLUSIVO da tale obbligo, posto in capo al datore di lavoro.

Per questa categoria rimane da valutare la possibilità di stipulare una polizza a proprie spese contro la rivalsa della amministrazione, in caso di condanna per colpa grave o danno erariale.

L’obbligo assicurativo per la responsabilità civile interessa invece:
– i medici ed i dirigenti sanitari dipendenti per la attività extramoenia
– i medici libero professionisti
– i medici pensionati che continuano la attività professionale
– i giovani medici privi di un rapporto di lavoro o con contratti atipici
– i medici convenzionati.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi