Notizie e commenti

Simone Reggiani, un nostro amico, ci ha improvvisamente lasciato

Simone ci ha lasciato, improvvisamente, in punta di piedi, senza alcun preavviso e questo costituisce uno dei tanti paradossi e misteri della vita, considerando la sua proverbiale attitudine a pianificare tutto, con precisione e puntualità assolute.

Simone aveva 46 anni e ha da sempre operato nel settore dell’Elettrostimolazione, come dipendente e poi come agente di Vitatron e Medtronic nelle aree dell’Emilia Romagna e delle Marche.

Scrupoloso, garbato, si è sempre dedicato anima e corpo al suo lavoro, facendosi carico delle esigenze di tutti, aiutando i medici, anche i più giovani, a risolvere i mille problemi della realtà quotidiana.
Calmo, tranquillo, affrontava con razionalità ogni problema, peraltro sempre pronto a sdrammatizzare le situazioni più complesse con una battuta, sempre al momento giusto, mai fuori luogo.

Ci ha lasciato durante un week-end, dopo essere stato nella giornata di venerdì a un convegno di aggiornamento ad affiancare, come sempre, i medici della sua area.

Con Simone ci lascia una persona garbata, elegante, una brava persona.

Sia il dolore che lo sgomento accomunano tutti noi che lo abbiamo conosciuto e stimato e vogliamo unirci al grande dolore dei suoi cari.

Caro Simone, quanto ci mancherai…

Giuseppe Boriani,
a nome degli amici dell’Emilia Romagna e di tutta l’AIAC

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi