Notizie e commenti

Stimolazione MultiPoint o risonanza magnetica? Ora entrambe

St. Jude Medical ha annunciato l’ottenimento della certificazione di compatibilità condizionale con l’esecuzione di esami diagnostici di risonanza magnetica (MR) per il CRT-D Quadra Assura MP™, versioni DF4, se utilizzato con elettrocateteri compatibili Durata, Optisure e Tendril STS e Quartet.

La compatibilità è certificata anche per gli impianti già avvenuti, estendendo l’accesso a questa importante metodica diagnostica anche ai pazienti che già hanno ricevuto l’impianto di uno di questi dispositivi.

Il dispositivo Quadra Assura MP è oggi l’unico dispositivo CRT-D presente sul mercato dotato di stimolazione MultiPoint. La stimolazione MultiPoint consente di programmare l’erogazione di due impulsi indipendenti al ventricolo sinistro sfruttando due canali tra loro separati tra i 10 vettori disponibili con l’elettrocatetere quadripolare Quartet.

Le prime esperienze con la stimolazione MultiPoint sono iniziate nel 2012; la casisistica di confronto con la stimolazione biventricolare tradizionale ad oggi pubblicata ha evidenziato un miglioramento dei parametri analizzati ed un aumento dei pazienti responder. Questi miglioramenti sono avvenuti sia in pazienti ischemici che non-ischemici e non sono risultati correlati alla durata del QRS.

Autore# PazientiMetodoRisultatiPubblicazione
Thibault et al.19 (21)Misurazione in acuto del dp/dtMiglioramento del dp/dt nel 72% dei pazientiEuropace, 2013
Rinaldi et al.41 (52)Misurazione in acuto della dissincronia (TDI)Riduzione della dissincronia nel 63% dei pazientiJournal of Cardiac Failure, 2013
Pappone et al.20Misurazione echo a 3 mesi22% di incremento del numero di pazienti responderHRS 2013
Rinaldi et al.41 (52)Misurazione in acuto della dissincronia (TDI)Riduzione della dissincronia nel 63% dei pazienti. Incremento del VTI LVOT (valutato in 13 pazienti)J Interv Card Electrophysiol, 2014
Pappone et al.44Misurazione in acuto con P-V LoopMiglioramente dei parametri emodinamiciHeart Rhythm, 2014
Zanon et al.29Misurazione in acuto del dp/dtMiglioramento del dp/dt nel 90% dei pazientiHeart Rhythm, 2015
Pappone et al.44Misurazione echo a 12 mesi33% di incremento del numero di pazienti responderHeart Rhythm, 2015
Menardi et al.10Misurazione in acuto del dp/dt; misurazione del tempo di attivazione endocardico20% di incremento relativo del dp/dt; 15% di riduzione relativa del tempo totale di attivazioneHeart Rhythm, 2015

Tabella. Principali studi di comparazione tra stimolazione MultiPoint da singolo elettrocatetere e stimolazione biventricolare tradizionale.

Il dispositivo Quadra Assura MP dispone inoltre di numerose funzioni specifiche di sicurezza, tra le quali ricordiamo l’algoritmo di discriminazione del rumore SecureSense e il rivestimento della cassa in parilene; in presenza di elettrocateteri da defibrillazione doppio coil lavora inoltre la funzione di commutazione della configurazione di shock DynamicTx che può rappresentare in caso di malfunzionamento dell’elettrocatetere la differenza tra una mancata erogazione e l’efficacie terminazione dell’artimia grazie all’erogazione della terapia1.

La compatibilità prevede al momento l’esclusione toracica; è comunque possibile trovare tutte le specifiche di compatibilità alla risonanza magnetica e i modelli di elettrocateteri compatibili sul sito: www.sjm.com/MRIReady

 

st.-jude-medical

Bibliografia

Heart Rhythm Case Reports 2015; 1: 27–30.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi