Notizie e commenti

Ti sei scordato di pagare la quota associativa?

L’AIAC invita i propri soci a verificare lo stato di pagamento della quota associativa relativa all’anno in corso e a quelli precedenti. In caso di morosità si invita a regolarizzare i pagamenti delle quote dovute al fine di poter continuare a partecipare alla vita associativa.

I soci che volessero controllare il proprio stato di pagamento lo potranno fare scrivendo una e-mail (segreteria@aiac.it) o telefonando dalle ore 9.00 alle ore 13.00 (tel. 06-42020412) alla Segretaria dell’AIAC.

Scadenza ultima per saldare le quote associative dovute all’AIAC: 30 settembre 2012. Dopo questa data i soci che non avessero ancora regolarizzato il proprio stato di pagamento verranno considerati soci decaduti con effetto immediato.

Modalità di pagamento

Si ricorda, inoltre, che il pagamento della quota associativa può essere effettuato mediante le seguenti modalità:

1. versamento su conto corrente postale c/c 16541013 intestato ad AIAC indicando come causale quota associativa anno …..;

2. bonifico bancario c/o Banca Monte dei Paschi di Siena SpA – Via Abruzzi Ag. 69 – Roma, IBAN IT 04 E 01030 03250 0000 63317513 intestato ad AIAC.

 

Ultimi articoli

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

Prevenzione del carcinoma alla mammella nelle operatrici: la survey sulla radioprotezione di Donne&Aritmologia

In seguito all’osservazione di casi di carcinoma alla mammella sinistra in operatrici esposte alle radiazioni ionizzanti, il gruppo Donne&Aritmologia ha promosso una survey dedicata che sarà aperta fino al 31 gennaio.

Leggi

Estrazione di elettrocateri impiantati da >10 anni mediante utilizzo di sheaths meccaniche bidirezionali

Recentemente sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology i risultati di uno studio italiano multicentrico che ha avuto l’obiettivo di valutare la sicurezza e l’efficacia dell’estrazione degli elettrocateri con una durata di impianto di almeno 10 anni, utilizzando sheaths meccaniche bidirezionali.

Leggi