Notizie e commenti

Ti sei scordato di pagare la quota associativa?

L’AIAC invita i propri soci a verificare lo stato di pagamento della quota associativa relativa all’anno in corso e a quelli precedenti. In caso di morosità si invita a regolarizzare i pagamenti delle quote dovute al fine di poter continuare a partecipare alla vita associativa.

I soci che volessero controllare il proprio stato di pagamento lo potranno fare scrivendo una e-mail (segreteria@aiac.it) o telefonando dalle ore 9.00 alle ore 13.00 (tel. 06-42020412) alla Segretaria dell’AIAC.

Scadenza ultima per saldare le quote associative dovute all’AIAC: 30 settembre 2012. Dopo questa data i soci che non avessero ancora regolarizzato il proprio stato di pagamento verranno considerati soci decaduti con effetto immediato.

Modalità di pagamento

Si ricorda, inoltre, che il pagamento della quota associativa può essere effettuato mediante le seguenti modalità:

1. versamento su conto corrente postale c/c 16541013 intestato ad AIAC indicando come causale quota associativa anno …..;

2. bonifico bancario c/o Banca Monte dei Paschi di Siena SpA – Via Abruzzi Ag. 69 – Roma, IBAN IT 04 E 01030 03250 0000 63317513 intestato ad AIAC.

 

Ultimi articoli

Sincope vasovagale: il webinar

L'Area Radioablazione e Neuromodulazione di AIAC presenta il webinar "Sincope vasovagale" che si terrà online il 6 giugno 2024 dalle ore 16.00 alle ore 17.30. Scarica il programma con il link per il collegamento.

Leggi

Ricordo del prof. Giuseppe Oreto

Il ricordo del prof. Giuseppe Oreto a firma di Gaetano Satullo che ne ripercorre la cultura, la poliedricità e la genialità attraverso il racconto di una storia lunga 40 anni.

Leggi

I Convegno Nazionale AIAC Giovani – L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido

Il 24 e 25 maggio 2024 si terrà a Napoli, presso l’Hotel NH Napoli Panorama il primo Convegno Nazionale AIAC Giovani, dal titolo “L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido”.

Leggi