Notizie e commenti

Ticagrelor in Italia

Disponibile anche in Italia ticagrelor, l’antiaggregante piastrinico di nuova generazione efficace nel ridurre del 16% il rischio combinato di infarto miocardico, morte cardiovascolare, ictus in pazienti affetti da sindrome coronarica acuta.

L’efficacia del farmaco è stata dimostrata da PLATO (a study of PLATelet inhibition and patients Outcomes), trial di confronto multicentrico, randomizzato e condotto su 18.624 pazienti in 43 Paesi.

I dati di PLATO hanno evidenziato una riduzione del 21% del rischio relativo di morte cardiovascolare grazie alla nuova terapia rispetto alla terapia standard, con un buon profilo di rischio emorragico.

“Grazie alle sue proprietà farmacologiche e al suo meccanismo d’azione che permette un’insorgenza d’azione rapida e reversibile, ticagrelor si è dimostrato efficace per tutti i pazienti affetti da sindrome coronarica acuta, indipendentemente dal loro genotipo e dalla tipologia di intervento attuata in acuto”.

Ticagrelor è presente nelle principali linee guida europee, americane e canadesi.

Ultimi articoli

Ricordo del prof. Giuseppe Oreto

Il ricordo del prof. Giuseppe Oreto a firma di Gaetano Satullo che ne ripercorre la cultura, la poliedricità e la genialità attraverso il racconto di una storia lunga 40 anni.

Leggi

Club AIAC: il quarto appuntamento sarà martedì 21 maggio

Nuovo appuntamento per il Club AIAC martedì 21 maggio dalle ore 17.00 alle ore 19.00. A presentare questo terzo appuntamento webinar saranno Carlo Lavalle (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Vice Presidente) e Pier Luigi Pellegrino (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Consigliere – Coordinatore Aree e Task Force).

Leggi

I Convegno Nazionale AIAC Giovani – L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido

Il 24 e 25 maggio 2024 si terrà a Napoli, presso l’Hotel NH Napoli Panorama il primo Convegno Nazionale AIAC Giovani, dal titolo “L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido”.

Leggi