Notizie e commenti

Un cuore a norma di legge

La normativa italiana sui dispositivi impiantabili ha 22 anni e non è mai stata aggiornata, con gravi ricadute sulla salute del paziente. Il 7 novembre si è svolto a Roma, il convegno “Benefici clinici ed economici dei dispositivi medici impiantabili: revisioni legislative. Un percorso possibile per il trattamento della fibrillazione atriale e dell’ictus cardioembolico”, organizzato dall’Associazione culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori”. In ragione dell’incremento delle malattie cardiovascolari si rende necessario, a livello legislativo, poter contare su normative “dinamiche”, in grado di rinnovarsi tenendo il passo con le ultime innovazioni tecnologiche nel settore dei dispositivi impiantabili (pacemaker, defibrillatori).

L’Associazione, già promotrice di un Disegno di Legge in materia di malattie cardiovascolari alla Camera dei Deputati per l’accesso ai farmaci e per gli sgravi fiscali sull’acquisto di apparecchi di autodiagnosi e controllo, ha proposto in sede di convegno un’integrazione al testo del DdL: l’uso di impiantabili cardiaci di ultima generazione e di dispositivi innovativi di monitoraggio per il controllo a distanza del paziente, offerti dalla scienza moderna.

I dispositivi di più antica generazione non sono compatibili con la risonanza magnetica per imaging, causando disagi notevoli al malato: “Più della metà dei pazienti portatori di un impianto – ha spiegato il dottor Renato Ricci, responsabile del laboratorio di elettrostimolazione cardiaca presso l’Ospedale San Filippo Neri di Roma – può vedersi negata la possibilità di sottoporsi ad una risonanza magnetica perché i campi magnetici possono danneggiare i componenti del dispositivo”.

“Per quanto concerne l’installazione e l’uso di apparecchiature diagnostiche a risonanza magnetica – ha spiegato il dottor Giovanni Calcagnini, del Dipartimento Tecnologie e Salute dell’Istituto Superiore di Sanità – il D.M. è fermo al 2 agosto 1991, non essendo mai stato aggiornato negli ultimi 22 anni”. Per contro, la ricerca tecnologica si evolve rapidamente e, nel corso degli ultimi anni, la risonanza magnetica e i dispositivi impiantabili hanno trovato un punto di incontro fondamentale per la vita del paziente: la compatibilità. Eppure, a causa del mancato aggiornamento legislativo, i cittadini italiani portatori di un impianto non sono supportati e debitamente tutelati, come accade in altri Paesi europei.

L’Associazione sottolinea con mano ferma la necessità che il DdL divenga legge al più presto. “Occorre inoltre – ha sottolineato il dottor Claudio Giustozzi, Segretario nazionale dell’Associazione – una politica di sostegno ed incentivi alle imprese che investono in ricerca, sviluppo e promozione dell’innovazione al servizio della salute. La lotta agli sprechi presenti all’interno del SSN diviene poi una priorità, quale miglior modo per reindirizzare fondi laddove sono davvero necessari”. La mission di ogni buon Governo dovrebbe essere sempre la stessa: la tutela del diritto alla salute per tutti i cittadini, sancito all’art. 32 della nostra Costituzione.

Fonte
Comunicato stampa dell’Associazione culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori”, 8 novembre 2013.

Ultimi articoli

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

Prevenzione del carcinoma alla mammella nelle operatrici: la survey sulla radioprotezione di Donne&Aritmologia

In seguito all’osservazione di casi di carcinoma alla mammella sinistra in operatrici esposte alle radiazioni ionizzanti, il gruppo Donne&Aritmologia ha promosso una survey dedicata che sarà aperta fino al 31 gennaio.

Leggi

Estrazione di elettrocateri impiantati da >10 anni mediante utilizzo di sheaths meccaniche bidirezionali

Recentemente sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology i risultati di uno studio italiano multicentrico che ha avuto l’obiettivo di valutare la sicurezza e l’efficacia dell’estrazione degli elettrocateri con una durata di impianto di almeno 10 anni, utilizzando sheaths meccaniche bidirezionali.

Leggi