Notizie e commenti

Un solo cardiopalmo per tre diverse aritmie

A cura di Margherita Padeletti (Cardiologia Ospedale del Mugello, Borgo San Lorenzo, Firenze) e Giuseppe Bagliani (Cardiologia e UTIC, Ospedale di Foligno) dell’Area Aritmologia non invasiva di AIAC.

Si riporta il caso di una paziente di anni 70, ipertesa e diabetica. Giunge in Pronto Soccorso per sensazione di cardiopalmo insorto da circa 12 ore. Alla misurazione pressoria automatica, la paziente riscontrava pressione arteriosa molto variabile, tra 105/70 e 140/85 mmHg. Con lo stesso apparecchio veniva rilevata inoltre aritmia (a volte ritmo regolare tachicardico 160 bpm a volte aritmia totale segnalata dal rilevatore automatico come aritmia totale da fibrillazione atriale).

Viene registrato l’ECG che evidenzia variazione tra tre pattern elettrocardiografici:

  1. Il primo documentava una tachicardia regolare a QRS larghi;
  2. il secondo una tachicardia irregolare a QRS larghi tendenzialmente bigemini;
  3. il terzo un’aritmia totale con QRS larghi, irregolari e tratti tachicardici e bradicardici.

Si tratta di tre ritmi apparentemente diversi. Esistono degli elementi comuni che collegano elettrofisiologicamente i ritmi tra loro, portando alla diagnosi di precisione?

In particolare:

  • Tracciato A: si tratta di una tachicardia regolare a QRS largo. Quale è a sua origine? Ventricolare, sopraventricolare, altro (WPW, pacemaker)?
  • Tracciato B: ritmo bigemino alternante due morfologie di QRS entrambi larghi, quale la rispettiva origine?
  • Tracciato C: aritmia a QRS larghi, totalmente irregolari, quale è la sua origine?

Soluzione ragionata dei tracciati 

Per la soluzione dei 3 tracciati viene utilizzato il seguente metodo di analisi:

  • analisi comparata della morfologia dei QRS tra ECG dei tracciati A-B e quelli di C che evidenziano sicuramente una morfologia sopraventricolare (in corso di fibrillazione atriale);
  • analisi dettagliata della morfologia dei QRS larghi nel tracciato A e B.

Analisi comparata della morfologia del QRS tra ECG dei tracciati A-B-C: si evidenziano due morfologie del QRS (m1 ed m2) di cui la prima (m1) sicuramente sopraventricolare, in quanto registrata nel tracciato C in corso di fibrillazione atriale. Questa osservazione identifica quindi la tachicardia del tracciato A come tachicardia sopraventricolare condotta con aberranza della conduzione intraventricolare.

Il tracciato B è quindi un ritmo bigemino tra una morfologia sopraventricolare m1 ed una seconda morfologia m2 la cui origine è ventricolare in base all’analisi dettagliata di V1 (vedi figura successiva).

Analisi di V1: la morfologia m1 evidenzia una piccola onda R iniziale (20 msec) compatibile con origine sopraventricolare, mentre la morfologia m2 ha una R iniziale molto larga (50 msec) compatibile con origine ventricolare. Confermano il reperto i valori della deflessione intrinsecoide (60 msec per m1 e 110 msec per m2). All’analisi globale del QRS si evidenzia come la durata del QRS sia identica (160 msec) sia per la morfologia m1 che m2.

Soluzione finale: tachicardia sopraventricolare condotta con aberranza nel tracciato A; extrasistolia ventricolare bigemina nel tracciato B; fibrillazione atriale condotta con aberranza nel tracciato C.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi