Notizie e commenti

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Il paziente con fibrillazione atriale presenta un aumentato rischio di eventi tromboembolici (ictus ischemico ed embolie sistemiche). Proteggere tale paziente con la terapia anticoagulante orale è oggi pratica clinica consolidata. Negli ultimi 10 anni, inoltre, l’introduzione degli anticoagulanti diretti ha dato alla terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale una “seconda giovinezza”. Oggi diamo per scontato che la terapia anticoagulante orale a lungo termine è la migliore strategia, ma tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza di questa strategia terapeutica non erano ancora noti. Questo mese leggiamo insieme lo studio SPAF (Stroke Prevention in Atrial Fibrillation) pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990. Lo studio SPAF è stato uno dei primi studi randomizzati che ha testato l’efficacia e la sicurezza del Warfarin (l’unico anticoagulante orale disponibile all’epoca) nella riduzione del rischio di stroke ischemico nel pazienti con fibrillazione atriale.

Lo studio SPAF pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 (Stroke Prevention in Atrial Fibrillation Study Group Investigators. Preliminary report of the Stroke Prevention in Atrial Fibrillation Study. N Engl J Med. 1990 Mar 22; 322(12): 863-8.)

In questo studio randomizzato, controllato con placebo, 1244 pazienti con fibrillazione atriale venivano randomizzati a ricevere la terapia anticoagulante orale (warfarin o aspririna, in caso di controindicazioni al warfarin) o placebo. Dopo solo un anno di follow-up mediano, i pazienti trattati con terapia anticoagulante orale presentavano una riduzione del rischio di stroke dell’81% rispetto ai pazienti trattati con placebo.

Rischio cumulativo di stroke ischemico nei pazienti trattati con warfarin o aspirina rispetto ai pazienti trattati con placebo.

Lo studio SPAF è stato uno dei primi trial pioneristici che ha dimostrato in maniera inequivocabile l’efficacia della terapia anticoagulante nella protezione dallo stroke ischemico del paziente con fibrillazione atriale, per questo può essere considerato una Pietra Miliare della letteratura scientifica cardiologica. Sono passati oltre 30 anni dalla pubblicazione di questo studio e da allora la terapia anticoagulante ha evitato molte migliaia di ictus contribuendo a ridurre la morbilità e mortalità della fibrillazione atriale.

A cura di Pietro Palmisano

Bibliografia:

Stroke Prevention in Atrial Fibrillation Study Group Investigators. Preliminary report of the Stroke Prevention in Atrial Fibrillation Study. New England Journal of Medicine 1990; 322 (12): 863-8.

 

Ultimi articoli

Potenziamento della telemedicina per fronteggiare l’emergenza COVID-2019

Il Governo ha presentato un emendamento finalizzato a estendere le previsioni già contenute nell'articolo 75 del decreto "Cura Italia".

Leggi

COVID-19, la testimonianza degli Ospedali Riuniti di Ancona

Dall'incertezza iniziale alla crescente consapevolezza. Il racconto da uno dei centri trovatisi da subito al centro dell'emergenza COVID-19.

Leggi

Guida per gli elettrofisiologi durante la pandemia COVID-19: il documento dell’Heart Rhythm Society

È stato pubblicato un documento HRS/ACC/AHA che identifica i potenziali rischi di contagio per i pazienti, il personale sanitario e tutti gli operatori impegnati nel campo dell’elettrofisiologia.

Leggi