Notizie e commenti

La prima registrazione dei potenziali del fascio di His nell’uomo

Questo mese leggiamo insieme “Catheter Technique for Recording His Bundle Activity in Man” di Benjamin J Scherlag e colleghi (*). In questo articolo viene descritta per la prima volta la tecnica di registrazione dei potenziali del fascio di His nell’uomo, tecnica che apre le porte alla comprensione della fisiopatologia, del significato clinico e della prognosi dei disturbi di conduzione cardiaca. Nasce l’elettrofisiologia clinica moderna. Le caratteristiche fisiologiche del tessuto di conduzione, la conduzione decrementale, la risposta al pacing atriale e alle manovre di stimolazione vagale, le caratteristiche della conduzione intraventricolare sono sintetizzate magistralmente in poche pagine, dedotte da soli nove casi studiati.

Clicca sull’immagine per accedere all’articolo originale 

*Benjamin J Scherlag, Sun H Lau, Richard H Helfant, Walter D Berkowitz, Emanuel Stein and Anthony N Damato. Catheter Technique for Recording His Bundle Activity in Man. Circulation 1969; 39: 13 – 18.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi