Notizie e commenti

Tre eccezioni della tachicardia: raro il meccanismo di innesco, rara la modulazione e il circuito di rientro

A cura di Giuseppe Bagliani, Aritmologia Ospedale di Foligno (Perugia).

ecg forum: immagine tracciato
Questo tracciato mostra un raro tipo di rientro nodale in quanto è:

  • raro il meccanismo di rientro (fast-superslow)
  • rara la modulazione di innesco (extrasistolia ventricolare parasistolica)
  • raro il meccanismo di induzione (un battito sinusale non anticipato).

Si tratta di una tachicardia apparentemente innescata da un battito di morfologia a tipo ritardo di attivazione destra e deviazione assiale inferiore.
L’aritmia sembra mimare una tachicardia “tipo Coumel”, ma questa diagnosi è resa molto inverosimile dal fatto che l’extrasistole ventricolare in corso di tachicardia (*) non antipica la successiva attivazione atriale.

 

ecg forum: dettaglio tracciato

Nel dettaglio

L’innesco dell’aritmia è condizionato dalla presenza di una extrasistolia ventricolare parasistolica (V’) che, in via retrograda penetra in modo occulto il nodo atrioventricolare (l’intervallo P-P sinusale è costante), cosicchè il successivo battito sinusale trova la via rapida anterograda bloccata e viene pertanto condotto in via anterograda sulla via lenta (P-V=300 msec). Segue una retroconduzione agli atri attraverso una via nodale “superlenta” (V-P’=500 msec). Il circuito di rientro si completa e mantiene con la successiva conduzione anterograda attraverso la via rapida del nodo (P’-V=140) che nel frattempo ha ripreso le sue capacità conduttive. Dunque tre intervalli di conduzione tra atri e ventricoli (140-300-500) ad esprimere la presenza di tre vie di conduzione nodale atrioventricolare.

 

ecg forum: la sequenza
La sequenza

  1. battito ventricolare parasistolico con penetrazione nascosta nella via nodale rapida (freccia rossa contro via rapida in blu)
  2. successivo battito sinusale condotto da una via lenta (freccia verde) con rientro attraverso via nodale retrograda “superlenta” (freccia rossa)
  3. successivi battiti di tachicardia con circuito fast-superslow (freccia blu e freccia rossa).

Si ripete tipicamente anche negli episodi non sostenuti di tachicardia riconfermando la presenza di tre ben distinte famiglie di intervalli di conduzione tra atrio e ventricolo. L’aritmia è stata trattata con successo semplicemente con l’ablazione nella sede dove in ritmo sinusale veniva localizzato potenziale di via nodale lenta.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi