Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

“Il defibrillatore sottocutaneo S-ICD”: il libro

S-ICD book

È ora disponibile il libro “Il defibrillatore sottocutaneo S-ICD. Storia, evoluzione e pratica clinica”, scritto da Giovanni Bisignani, Silvana De Bonis e Antonio Bisignani con la collaborazione di Andrea Droghetti e Luca Auricchio. Il testo ha l’obiettivo di dare un valido aiuto a chi si avvicina all’uso di questo nuovo dispositivo, fornendo un contributo che nasce dal “vissuto clinico” di chi si occupa quotidianamente della prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Il libro, infatti, offre una panoramica completa (condita da un’iconografia dettagliata) delle indicazioni corrette al defibrillatore sottocutaneo, della procedura di impianto, delle recenti innovazioni in ambito anestesiologico, delle possibilità riguardanti il controllo da remoto. Inoltre, il testo contiene un intero capitolo dedicato alla risonanza magnetica in pazienti portatori di questo dispositivo, fondamentale per guidare i clinici in questa particolare situazione.

“A Giovanni Bisignani e ai co-Autori – scrive Ciro Indolfi nella prefazione – porgo le mie congratulazioni per aver colmato con questo testo, completo e dettagliato, il vuoto di informazioni su questa nuova opportunità. Il defibrillatore sottocutaneo, infatti, consente il trattamento efficace di aritmie cardiache letali senza una continuità fisica con le camere cardiache proteggendo il paziente da importanti complicanze”.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi