Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

“Il defibrillatore sottocutaneo S-ICD”: il libro

S-ICD book

È ora disponibile il libro “Il defibrillatore sottocutaneo S-ICD. Storia, evoluzione e pratica clinica”, scritto da Giovanni Bisignani, Silvana De Bonis e Antonio Bisignani con la collaborazione di Andrea Droghetti e Luca Auricchio. Il testo ha l’obiettivo di dare un valido aiuto a chi si avvicina all’uso di questo nuovo dispositivo, fornendo un contributo che nasce dal “vissuto clinico” di chi si occupa quotidianamente della prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Il libro, infatti, offre una panoramica completa (condita da un’iconografia dettagliata) delle indicazioni corrette al defibrillatore sottocutaneo, della procedura di impianto, delle recenti innovazioni in ambito anestesiologico, delle possibilità riguardanti il controllo da remoto. Inoltre, il testo contiene un intero capitolo dedicato alla risonanza magnetica in pazienti portatori di questo dispositivo, fondamentale per guidare i clinici in questa particolare situazione.

“A Giovanni Bisignani e ai co-Autori – scrive Ciro Indolfi nella prefazione – porgo le mie congratulazioni per aver colmato con questo testo, completo e dettagliato, il vuoto di informazioni su questa nuova opportunità. Il defibrillatore sottocutaneo, infatti, consente il trattamento efficace di aritmie cardiache letali senza una continuità fisica con le camere cardiache proteggendo il paziente da importanti complicanze”.

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi