Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Impianto di S-ICD: il test di defibrillazione

test di defibrillazione

Il test di defibrillazione presenta una raccomandazione di Classe I per i pazienti sottoposti a impianto di S-ICD. Nel capitolo 10 del manuale di Best Practice per l’impianto di S-ICD è spiegato il miglior approccio a tale operazione. Viene raccomandata la presenza di un defibrillatore esterno e di personale qualificato che possa eseguire la rianimazione cardiovascolare (CPR) in caso di bisogno. È importante che prima del test venga liberato il braccio del paziente, precedentemente fissato al bracciolo, al fine di evitare lesioni o incidenti durante il test di defibrillazione. Un’impedenza inferiore a 25 ohm può indicare un malfunzionamento del sistema o un errato posizionamento, al contrario un alto livello di impedenza può indicare un eccessivo strado adiposo che separa l’elettrodo dallo sterno.

Clicca qui per scariare il manuale

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi