Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Impianto di S-ICD: il test di defibrillazione

test di defibrillazione

Il test di defibrillazione presenta una raccomandazione di Classe I per i pazienti sottoposti a impianto di S-ICD. Nel capitolo 10 del manuale di Best Practice per l’impianto di S-ICD è spiegato il miglior approccio a tale operazione. Viene raccomandata la presenza di un defibrillatore esterno e di personale qualificato che possa eseguire la rianimazione cardiovascolare (CPR) in caso di bisogno. È importante che prima del test venga liberato il braccio del paziente, precedentemente fissato al bracciolo, al fine di evitare lesioni o incidenti durante il test di defibrillazione. Un’impedenza inferiore a 25 ohm può indicare un malfunzionamento del sistema o un errato posizionamento, al contrario un alto livello di impedenza può indicare un eccessivo strado adiposo che separa l’elettrodo dallo sterno.

Clicca qui per scariare il manuale

Ultimi articoli

Dal 17° Congresso AIAC il commento di Antonio D’Onofrio

La prima giornata del 17° Congresso Nazionale dell’AIAC si è conclusa ieri. Abbiamo raccolto il commento a caldo di…

Leggi

L’AIAC saluta il Professor Attilio Maseri

Il 3 settembre ci ha lasciati il Professor Attilio Maseri, un gigante della cardiologia mondiale. Il saluto dell’AIAC e di tutta la comunità aritmologica italiana.

Leggi

Correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere e parametri elettrici nella stimolazione hisiana

Sul Journal of Electrocardiology è stato recentemente pubblicato uno studio sulla correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere per la stimolazione hisiana e differenze nei parametri elettrici ottenuti in acuto.

Leggi