Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Impianto di S-ICD: una curva di apprendimento uguale per tutti

Il secondo capitolo del manuale di Best Practice per l’impianto di S-ICD avverte gli operatori che è necessaria una curva di apprendimento per ottimizzare l’outcome, prendendo prima confidenza con le tecniche d’impianto dell’S-ICD, ma “la possibilità di incorrere in complicanze durante i primi interventi d’impianto – si legge nel testo – risulta essere simile per tutti gli operatori. Anche i medici che hanno eseguito un sostanzioso numero di impianti hanno sperimentato lo stesso rischio nei loro primi quattro interventi rispetto a chi ha poi eseguito meno interventi”. “l tasso di complicanze è diminuito per tutti i chirurghi dopo quattro impianti. Le complicanze insorte durante le prime esperienze dovrebbero incoraggiare il chirurgo ad analizzare e adattare il flusso di lavoro dove necessario, continuando il processo di apprendimento.

Clicca qui per scariare il manuale

 

Ultimi articoli

Dal 17° Congresso AIAC il commento di Antonio D’Onofrio

La prima giornata del 17° Congresso Nazionale dell’AIAC si è conclusa ieri. Abbiamo raccolto il commento a caldo di…

Leggi

L’AIAC saluta il Professor Attilio Maseri

Il 3 settembre ci ha lasciati il Professor Attilio Maseri, un gigante della cardiologia mondiale. Il saluto dell’AIAC e di tutta la comunità aritmologica italiana.

Leggi

Correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere e parametri elettrici nella stimolazione hisiana

Sul Journal of Electrocardiology è stato recentemente pubblicato uno studio sulla correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere per la stimolazione hisiana e differenze nei parametri elettrici ottenuti in acuto.

Leggi