Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

L’impianto di S-ICD nei soggetti ad alto e basso BMI

S-ICD BMI

La procedura di impianto per i pazienti a BMI elevato o basso presenta particolari accorgimenti che l’operatore può trovare al capitolo 12 del manuale di Best Practice per l’impianto di S-ICD. Nel caso dei soggetti a BMI elevato è necessario fare particolare attenzione affinché l’elettrodo sia posizionato a diretto contatto con la fascia profonda, dato che anche uno strato di soli 5 mm di grasso tra i due può provocare un aumento dell’impedenza. I pazienti con un basso BMI, invece, hanno un maggior rischio di protrusione del dispositivo e di erosione, con un impatto significativo sul confort del paziente e sul risultato estetico. Creare una tasca intramuscolare anziché subcutanea potrebbe migliore di gran lunga il risultato dell’operazione, sia da un punto di vista estetico che di confort.

Clicca qui per scariare il manuale

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi