Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

L’impianto di S-ICD nei soggetti ad alto e basso BMI

S-ICD BMI

La procedura di impianto per i pazienti a BMI elevato o basso presenta particolari accorgimenti che l’operatore può trovare al capitolo 12 del manuale di Best Practice per l’impianto di S-ICD. Nel caso dei soggetti a BMI elevato è necessario fare particolare attenzione affinché l’elettrodo sia posizionato a diretto contatto con la fascia profonda, dato che anche uno strato di soli 5 mm di grasso tra i due può provocare un aumento dell’impedenza. I pazienti con un basso BMI, invece, hanno un maggior rischio di protrusione del dispositivo e di erosione, con un impatto significativo sul confort del paziente e sul risultato estetico. Creare una tasca intramuscolare anziché subcutanea potrebbe migliore di gran lunga il risultato dell’operazione, sia da un punto di vista estetico che di confort.

Clicca qui per scariare il manuale

Ultimi articoli

Impatto della pandemia COVID-19 sull’uso del monitoraggio remoto in Italia: la survey AIAC

Sul Journal of Clinical Medicine sono stati pubblicati i risultati della survey AIAC sull'impatto della pandemia COVID-19 sulla diffusione del monitoraggio remoto dei dispositivi cardiaci impiantabili e della telecardiologia in Italia.

Leggi

ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione

Sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati di un’esperienza multicentrica italiana sull'efficacia e la sicurezza di un ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione.

Leggi

Gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia: la survey AIAC

I risultati di una survey a diffusione nazionale promossa dall’Area “Raggi Zero” dell’AIAC sulla gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi