Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Programmazione dei dispositivi S-ICD e riduzione delle terapie inappropriate: i dati dalla pratica clinica

Nei pazienti con defibrillatore cardiaco impiantabile sottocutaneo (S-ICD), lo studio UNTOUCHED1 ha dimostrato tassi di shock inappropriati molto bassi con la programmazione di una zona di shock condizionale tra 200 e 250 bpm e di una zona di shock per aritmie superiore ai 250 bpm. Non è ancora chiaro però quanto questo approccio di programmazione venga adottato nella pratica clinica, così come il suo impatto sul tasso di terapie appropriate e inappropriate.

Un nuovo studio di Rordorf et al.ha valutato la programmazione dell’ICD al momento dell’impianto e durante il follow-up in una coorte di 1468 pazienti consecutivi impiantati in 56 centri italiani, misurando anche l’occorrenza di shock appropriati e inappropriati nel follow-up. Al momento dell’impianto, il cut-off mediano della zona condizionale programmata era impostato a 200 bpm (IQR: 200-220) e il cut-off della zona di shock era di 230 bpm (IQR: 210-250). Durante il follow-up, il cut-off della zona condizionale non è stato modificato in modo significativo, mentre il cut-off della zona di shock è stato modificato in 622 pazienti (42%) e il valore mediano è aumentato a 250 bpm (IQR: 230-250) (P<0,001). La programmazione tipo UNTOUCHED dei cut-off di rilevamento è stata adottata in 426 (29%) pazienti subito dopo l’impianto del dispositivo e in 714 (49%, P <0,001) all’ultimo follow-up e si è rivelata associata in modo indipendente a un minor numero di shock inappropriati (hazard ratio 0,50, 95%CI 0,25-0,98, P=0,044) non determinando alcun impatto sugli shock appropriati e inefficaci.

Lo studio mostra come, negli ultimi anni, i centri che impiantano S-ICD hanno programmato sempre più spesso alti tassi di cut-off di rilevamento delle aritmie, nel caso di nuovi pazienti al momento dell’impianto e, nel caso di impianti preesistenti, durante il follow-up. Ciò ha contribuito in modo significativo a ridurre l’incidenza di shock inappropriati nella pratica clinica.

La programmazione standard proposta dallo studio UNTOUCHED è:

  • cut-off zona di shock condizionale tra 200 e 250 bpm
  • cut-off della zona di shock a 250 bpm.

Nella pratica clinica, negli ultimi anni si è registrata una tendenza verso una più ampia adozione della programmazione ottimizzata.

Figura a: Programmazione di tipo UNTOUCHED subito dopo l’impianto del dispositivo e dopo l’ultimo follow-up.
Figura b: Adozione della programmazione UNTOUCHED-like al basale nei primi e negli ultimi 734 dispositivi.

La programmazione UNTOUCHED ha ridotto il tasso di shock inappropriati nella popolazione con S-ICD, senza influire sull’efficacia della terapia.

Il tasso di shock inappropriati a un anno era del 3,0% con e del 4,6% senza programmazione di tipo UNTOUCHED.

Analisi Kaplan-Meier del tempo al primo shock inappropriato (HR 0,47, 95%CI 0,30-0,75, p=0,010)
Analisi Kaplan-Meier del tempo al primo shock appropriato (figura b) (HR 0,98, 95%CI 0,59-1,61, p=0,925)

Per concludere:

  • Nella pratica clinica, negli ultimi anni, si è registrata una tendenza a una maggiore adozione della programmazione ottimizzata.
  • La programmazione di una zona condizionale tra 200 e 250 bpm e di una zona di shock per aritmie >250 bpm è associata a un minor rischio di shock inappropriati.
  • La programmazione di tassi di cut-off elevati per il rilevamento delle aritmie non ha alcun impatto sugli shock appropriati e inefficaci.

 

Bibliografia:

  1. Gold MR, Lambiase PD, El-Chami MF, Knops RE, Aasbo JD, Bongiorni MG et al. Primary results from the understanding outcomes with the S-ICD in primary prevention patients with low ejection fraction (UNTOUCHED) trial. Circulation 2021;143:7–17.
  2. Rordorf R, Viani S, Biffi M, et al. Reduction in inappropriate therapies through device programming in subcutaneous implantable defibrillator patients: data from clinical practice. Europace. 2023 Mar 18:euac234. doi: 10.1093/europace/euac234.

Ultimi articoli

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi

Elezioni del nuovo Consiglio Direttivo Nazionale e del Presidente Eletto

In occasione del prossimo Congresso Nazionale AIAC, previsto per il 18-19-20 settembre 2024, verranno presentati il nuovo…

Leggi

Elezioni dei Consigli Direttivi Regionali, del Consiglio Direttivo Nazionale e del Presidente Eletto

Nei due articoli sono riportate tutte le informazioni su modalità e scadenze previste per il rinnovo dei Consigli Direttivi Regionali, e i requisiti per la candidatura al Consiglio Direttivo Nazionale e al ruolo di Presidente Eletto.

Leggi