Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

ATP in prevenzione primaria: S-ICD vs TV-ICD

L’impiego dell’S-ICD nella pratica clinica quotidiana è sempre più frequente, come confermano i risultati delle recenti survey indette dall’European Heart Rhythm Association (1) e dell’AIAC (2). A livello europeo si sono indagate le principali ragioni che hanno portato alla scelta di un dispositivo o dell’altro. Su un campione di 429 pazienti al 19,8% è stato impiantato l’S-ICD e i principali criteri adottati per l’impianto sono risultati essere: la giovane età dei pazienti, la previsione delle complicanze solitamente associate e la preferenza del paziente a cui sono stati illustrati punti di forza e di debolezza di entrambi i dispositivi impiantabili per una scelta consapevole, una scelta fatta anche in relazione alla loro attività fisica.  A livello nazionale è emerso dalla survey AIAC “S-ICD Why not?” che l’S-ICD potrebbe avere un maggior impiego ma, a oggi,  viene adoperato prevalentemente nella prevenzione secondaria della morte improvvisa, in pazienti giovani e con canalopatie. Entrambe le survey indicano che in quasi la metà dei casi il motivo più comune per la scelta di un TV-ICD rispetto a un S-ICD è la percezione della necessità di ATP.

I dati dello studio MADIT-RIT hanno tuttavia dimostrato che una terapia ritardata e con taglio di frequenza elevata riduce il rischio di interventi inappropriati (3). Per approfondire ulteriormente l’indagine, si sono confrontate le percentuali di eventi solo ATP, ATP più shock, e solo shock in MADIT-RIT, in 1.500 pazienti in prevenzione primaria, per aritmie ventricolari con frequenza di 200 bpm e oltre. I pazienti sono stati randomizzati secondo programmazione ICD standard storica ≥ 170 dpm (braccio A), una strategia di programmazione con frequenza di intervento elevata ≥ 200 bpm (braccio B) o una strategia con durata di rilevazione prolungata (60 s ≥ 170 bpm e 12 s ≥ 200 bpm) (braccio C) (3). La percentuale di trattamento con ATP iniziale variava tra i bracci: 10,5% nel braccio A, 4,2% nel braccio B e 2,5% nel braccio C. Le percentuali finali di shock erano simili (3,5% nel braccio A, 4,2% nel braccio B e 3,3% nel braccio C), a riprova del fatto che l’ATP non riduce la necessità di shock (3).

Vedi anche:
S-ICD e ATP, in arrivo la gestione modulare del ritmo cardiaco
“S-ICD Why Not?”: i risultati della survey

Bibliografia

  1. Botto GL, Forleo GB, Capucci A et al. The Italian subcutaneous implantable cardioverter-defibrillator survey: S-ICD, why not? Europace 2017; 19(11): 1826-32.
  2. Boveda S, Lenarczyk R, Fumagalli S et al. Factors influencing the use of subcutaneous or transvenous implantable cardioverter-defibrillators: results of the European Heart Rhythm Association prospective survey. Europace 2018; 20(5): 887-92.
  3. Schuger C, Daubert J, Zareba W et al. Avoiding unnecessary therapy for arrhythmias ≥ 200bpm: results from MADIT-RIT. Heart Rhythm Society 2019; San Francisco.

 

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi