Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Defibrillatori impiantabili a confronto: una metanalisi

Basu-Ray e colleghi hanno condotto una revisione sistematica dei database PubMed e Embase, prendendo in considerazione gli studi che confrontavano direttamente gli esiti clinici associati all’impianto di un S-ICD e di un TV-ICD in pazienti adulti e quelli che contenevano dati sulle complicanze associate all’elettrocatetere, complicanze non associate all’elettrocatetere, terapie inappropriate e appropriate (1).

In totale, sono stati selezionati 5 studi, per un totale di oltre 6400 pazienti. La metanalisi ha evidenziato che le complicanze associate all’elettrocatetere erano 7,3 volte più comuni nel gruppo TV-ICD, rispetto al gruppo S-ICD (1,02% vs. 0,14%; P = 0,0001).

I tassi di infezione sono risultati simili tra i due gruppi (0,34% per il gruppo S-ICD e 0,31% per il gruppo TV-ICD). Tuttavia, gli autori hanno sottolineato che il tipo di infezione era spesso diverso. Ad esempio,  nel gruppo S-ICD non sono emerse infezioni intravascolari, risultate associate in altri studi a un tasso più elevato di morbilità e mortalità (2,3).

Il tasso di shock inappropriati era del 9,4% nei pazienti TV-ICD rispetto all’8,3% dei pazienti S-ICD. Nonostante si tratti di valori numeri simili, la natura degli shock in questione è molto diversa: la causa principale era la tachicardia sopraventricolare per i TV-ICD e l’oversensing dell’onda T per gli S-ICD. I dati in questa metanalisi, tuttavia, fanno riferimento a dispositivi appartenenti alla prima generazione di sistemi S-ICD, non dotati della tecnologia SMART-PAss (filtro digitale a 9 Hz). Questa ha permesso, nello studio EFFORTLESS, di ottenere una riduzione degli shock inappropriati del 3,8% (4).

Vedi anche:
Con l’-S-ICD meno complicanze e shock inappropriati
SMART Pass, un algoritmo per ridurre gli shock inappropriati

Bibliografia

  1.  Basu-Ray JL, Jia X, Gold M, et al. Subcutaneous versus transvenous implantable defibrillator therapy. Journal of the American College of Cardiology EP 2017; DOI: 10.1016/j.jacep.2017.07.017.
  2.  Tarakji KG, Wazni OM, Harb S, et al. Risk factors for 1-year mortality among patients with cardiac implantable electronic device infection undergoing transvenous lead extraction: the impact of the infection type and the presence of vegetation on survival. Europace 2014; 16: 1490 – 1495.
  3. Bongiorni MG. ELECTRa (European Lead Extraction ConTRolled) Registry: Long-term outcomes on transvenous lead extraction in Europe. Heart Rhythm 2016; 4 – 7 Maggio, San Francisco, USA.
  4. Theuns DA, Burke MC, Allavatam V, et al. Evaluation of a novel algorithm designed to reduce oversensing in the S-ICD. Heart Rhythm 2016; 4 – 7 Maggio, San Francisco, USA.

Ultimi articoli

La nuova survey AIAC sulla gestione delle recidive post-ablazione di FA. Partecipa!

La nuova survey AIAC, "Gestione delle recidive post-ablazione di fibrillazione atriale", è online.

Leggi

Pandemia COVID-19 e impianto di pacemaker in urgenza

Uno studio sul numero di impianti urgenti di pacemaker in Veneto durante le settimane precedenti e successive al propagarsi del COVID-19 e durante il corrispondente periodo del 2019.

Leggi

Il pacing nella sincope vasovagale: storia di una sfida mai vinta

La storia del pacing nella sincope vasovagale, da quando l’osservazione che alcuni pazienti con sincopi vasovagali recidivanti presentavano una risposta cardionibitoria al tilt test suggerì che questi pazienti potessero beneficiare dell’impianto di un pacemaker.

Leggi