Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Esecuzione del test di defibrillazione durante le procedure di impianto di T-ICD e S-ICD nella pratica clinica italiana

Il test di defibrillazione (DT) è stato tradizionalmente parte della procedura di impianto del defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD), al fine di confermare un’adeguata defibrillazione. Tuttavia, studi storici1-3 hanno dimostrato la non inferiorità dell’omissione del test per quanto riguarda la morte e l’efficacia dello shock negli ICD transvenosi (T-ICD). Secondo le attuali linee guida, il DT può essere quindi omesso nei pazienti sottoposti a impianto di T-ICD, ma è comunque raccomandato per i pazienti con alto rischio di soglia di defibrillazione elevata e in caso di sostituzione del generatore ICD.4

I risultati dei suddetti studi sull’omissione del DT con T-ICD non possono essere estesi all’S-ICD a causa delle differenze sostanziali tra i due sistemi, ovvero posizionamento del dispositivo, energia erogata, rilevamento del segnale cardiaco e algoritmi di discriminazione. Pertanto, il DT è ancora raccomandato per l’impianto di S-ICD.4 Tuttavia, alcuni studi hanno rilevato che l’aderenza alla raccomandazione del DT è in declino nella pratica clinica.

Scopo dello studio qui commentato5 è stato quindi quello di analizzare l’attuale pratica di esecuzione del test durante le procedure di impianto di T-ICD e S-ICD in Italia per valutarne l’adozione e le modalità di esecuzione. All’indagine hanno partecipato in totale 72 centri ai quali, nel mese di marzo 2021, è stato chiesto di rispondere a un questionario ad hoc sulla attuale pratica di esecuzione del DT.

Quarantotto operatori (il 67%) hanno riferito di non aver mai eseguito il test di defibrillazione durante gli impianti de-novo di T-ICD. Nessun operatore ha riferito di eseguirlo sistematicamente. I restanti intervistati hanno dichiarato di eseguirlo per pazienti con soglia di defibrillazione elevata. Il test non viene mai eseguito alla sostituzione del generatore T-ICD. Per quanto riguarda invece gli S-ICD, al momento dell’impianto de-novo, il test non viene mai eseguito dal 13% degli operatori, ed eseguito sistematicamente dal 66%. I restanti operatori omettono frequentemente di eseguire il test nei pazienti con disfunzione sistolica più grave. Il 92% degli operatori non esegue il DT durante la sostituzione di un generatore S-ICD.

In conclusione, quindi, i risultati della survey permettono di confermare che, nella pratica clinica attuale, la maggior parte degli operatori omette il test di defibrillazione al momento dell’impianto di T-ICD, anche quando è ancora raccomandato nelle linee guida. Anche durante l’impianto di S-ICD il test viene omesso in una percentuale di casi e permane un’ampia variabilità nelle procedure seguite durante il test e nei criteri applicati per definire il successo procedurale.

 

Fonte

  1. Healey JS, Hohnloser SH, Glikson M, et al. Shockless IMPLant Evaluation [SIMPLE] investigators. Cardioverter defibrillator implantation without induction of ventricular fibrillation: a single-blind, non-inferiority, randomised controlled trial (SIMPLE). Lancet 2015; 385: 785-91
  2. Bänsch D, Bonnemeier H, Brandt J, et al. Intra-operative defibrillation testing and clinical shock efficacy in patients with implantable cardioverter-defibrillators: the NORDIC ICD randomized clinical trial. Eur Heart J 2015; 36(37): 2500-7.
  3. Brignole M, Occhetta E, Bongiorni MG, et al. Clinical evaluation of defibrillation testing in an unselected population of 2,120 consecutive patients undergoing first implantable cardioverter-defibrillator implant. J Am Coll Cardiol 2012; 60: 981-7.
  4. Wilkoff BL, Fauchier L, Stiles MK, et al. HRS/EHRA/APHRS/SOLAECE expert consensus statement on optimal implantable cardioverter-defibrillator programming and testing. Europace 2016; 18(2): 159-183.
  5. Migliore F, Viani S, Ziacchi M, et al. “S-ICD Rhythm Detect” Investigators. The “Defibrillation Testing, Why Not?” survey. Testing of subcutaneous and transvenous defibrillators in the Italian clinical practice. Int J Cardiol Heart Vasc 2022; 38: 100952.

 

Ultimi articoli

Comunicazione ai soci AIAC di una violazione di dati personali (data breach) subita da AIM Italy S.r.l.

Si comunica a tutti i soci AIAC che la Società AIM Italy S.r.l., al quale AIAC ha affidato l'attività di organizzazione nel proprio congresso annuale, dei propri webinar e più in generale delle proprie attività formative, nei giorni scorsi ha subito un attacco informatico con utilizzo di malware di tipo ransomware cryptolocker.

Leggi

Elezioni AIAC 2022, l’elenco dei candidati

Dal 23 maggio 2022 al 12 giugno 2022 si terranno le elezioni per la nomina del Presidente Eletto e il rinnovo del Consiglio Direttivo Nazionale. Le elezioni si terranno per via telematica.

Leggi

Bando per la selezione del Direttore Editoriale AIAC biennio 2022-2024

Con il presente bando si invita chi fosse interessato a partecipare alla selezione per il ruolo di Direttore Editoriale AIAC, relativamente alla attività da svolgere per il Giornale Italiano di Cardiologia e il Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi