Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Esiti clinici nei pazienti con defibrillatore sottocutaneo

Sponder e colleghi hanno analizzato gli esiti clinici di 231 pazienti sottoposti a impianto di sistema S-ICD tra dicembre 2012 e maggio 2017 presso 12 centri in Austria. Il follow-up medio è stato di 1,7 ± 1,1 anni. Le indicazioni per l’S-ICD comprendevano la prevenzione della morte cardiaca improvvisa e il trattamento di diverse aritmie ereditarie. Nel complesso, il 58% dei sistemi S-ICD era stato impiantato per finalità di prevenzione primaria.

Sono stati documentati shock appropriati in 16 pazienti (6,9%), con un’efficienza del primo shock pari al 96%. Shock inappropriati sono invece stati registrati in 12 pazienti (5,2%). Di questi 12 casi, 5 (42%) sono stati causati dall’oversensing dell’onda T- 6 dei 12 pazienti (50%) avevano un sistema S-ICD di prima generazione, senza la tecnologia SMART Pass. In questa analisi, solo 2 pazienti (0,8%) hanno richiesto un passaggio a un TV-ICD per necessità di stimolazione anti-bradicardica.

Vedi anche:
S-ICD: dati positivi da un follow-up a 6 anni

Bibliografia

1. Sponder M, Khazen C, Dichtl W, et al. Specific indications and clinical outcome in patients with subcutaneous ICD – A nationwide multicentre registry. Euopean Journal of Internal Medicine 2018; 48: 64 – 68.

 

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi