Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Esiti delle degenze ospedaliere associati all’adozione dell’S-ICD

esiti degenze

Nel registro statunitense dei dati cardiovascolari nazionali (NCDR, National Cardiovascular Data Registry) è incluso circa il 90% di tutti gli impianti di ICD negli Stati Uniti. Questa analisi retrospettiva di 393.734 pazienti inseriti nell’NCDR, in un periodo di tempo di 3 anni fino all’inizio del 2015, ha descritto l’adozione dell’S-ICD nella pratica clinica negli Stati Uniti. Gli esiti delle degenze ospedaliere di pazienti sottoposti a impianto di S-ICD rispetto a TV-ICD sono stati confrontati da Friedman et al.

A 3717 (0,9%) dei 393.734 pazienti analizzati erano stati impiantati S-ICD e questa rappresenta oggi la singola analisi più ampia di riceventi S-ICD. I pazienti S-ICD erano, in media, pazienti in prevenzione secondaria ed erano più giovani dei pazienti TV-ICD (età media 53,5 rispetto a 62,1 per gli ICD monocamerali [SC-ICD] e 66,5 per gli ICD bicamerali [DC-ICD]). Una percentuale molto più elevata di pazienti S-ICD era in dialisi (20,1%) rispetto agli SC-ICD (2,9%) e ai DC-ICD (2,4%). L’adozione della terapia con S-ICD è aumentata di circa 9 volte, dallo 0,2% all’1,9%, durante il periodo di analisi e quasi il 50% dei riceventi un primo ICD era idoneo a un S-ICD in considerazione dell’assenza di bradicardia o di indicazioni alla terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT).

I tassi di complicanze ospedaliere per i pazienti S-ICD erano bassi (0,9%), sovrapponibili a quelli dei pazienti con SC-ICD (0,6%) e inferiori a quelli dei pazienti DC-ICD (1,5%). Inoltre, il tasso di complicanze dovute a S-ICD era inferiore anche al tasso del 2% osservato nello studio IDE e nel registro EFFORTLESS, nonostante il fatto che i pazienti nello studio attuale presentassero un numero elevato di comorbilità, compresa la dialisi, e vi fossero percentuali più elevate di pazienti sintomatici (classe NYHA II-IV). L’S-ICD ha dimostrato di avere un alto tasso di conversione della fibrillazione ventricolare (FV) durante il test della soglia di defibrillazione (DFT). Il 92,7% dei pazienti è stato defibrillato a 65 J e il 99, 7% è stato defibrillato a 80 J.

Bibliografia

Friedman DJ, Parzynsky CS, Varosy PD, et al. Trends and in-hospital outcomes associated with adoption of the subcutaneous Implantable Cardioverter Defibrillator in the United States. JAMA Cardiology 2016; 1(8): 900 – 911

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi