Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Esiti delle degenze ospedaliere associati all’adozione dell’S-ICD

esiti degenze

Nel registro statunitense dei dati cardiovascolari nazionali (NCDR, National Cardiovascular Data Registry) è incluso circa il 90% di tutti gli impianti di ICD negli Stati Uniti. Questa analisi retrospettiva di 393.734 pazienti inseriti nell’NCDR, in un periodo di tempo di 3 anni fino all’inizio del 2015, ha descritto l’adozione dell’S-ICD nella pratica clinica negli Stati Uniti. Gli esiti delle degenze ospedaliere di pazienti sottoposti a impianto di S-ICD rispetto a TV-ICD sono stati confrontati da Friedman et al.

A 3717 (0,9%) dei 393.734 pazienti analizzati erano stati impiantati S-ICD e questa rappresenta oggi la singola analisi più ampia di riceventi S-ICD. I pazienti S-ICD erano, in media, pazienti in prevenzione secondaria ed erano più giovani dei pazienti TV-ICD (età media 53,5 rispetto a 62,1 per gli ICD monocamerali [SC-ICD] e 66,5 per gli ICD bicamerali [DC-ICD]). Una percentuale molto più elevata di pazienti S-ICD era in dialisi (20,1%) rispetto agli SC-ICD (2,9%) e ai DC-ICD (2,4%). L’adozione della terapia con S-ICD è aumentata di circa 9 volte, dallo 0,2% all’1,9%, durante il periodo di analisi e quasi il 50% dei riceventi un primo ICD era idoneo a un S-ICD in considerazione dell’assenza di bradicardia o di indicazioni alla terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT).

I tassi di complicanze ospedaliere per i pazienti S-ICD erano bassi (0,9%), sovrapponibili a quelli dei pazienti con SC-ICD (0,6%) e inferiori a quelli dei pazienti DC-ICD (1,5%). Inoltre, il tasso di complicanze dovute a S-ICD era inferiore anche al tasso del 2% osservato nello studio IDE e nel registro EFFORTLESS, nonostante il fatto che i pazienti nello studio attuale presentassero un numero elevato di comorbilità, compresa la dialisi, e vi fossero percentuali più elevate di pazienti sintomatici (classe NYHA II-IV). L’S-ICD ha dimostrato di avere un alto tasso di conversione della fibrillazione ventricolare (FV) durante il test della soglia di defibrillazione (DFT). Il 92,7% dei pazienti è stato defibrillato a 65 J e il 99, 7% è stato defibrillato a 80 J.

Bibliografia

Friedman DJ, Parzynsky CS, Varosy PD, et al. Trends and in-hospital outcomes associated with adoption of the subcutaneous Implantable Cardioverter Defibrillator in the United States. JAMA Cardiology 2016; 1(8): 900 – 911

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi