Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Gli shock erogati dagli S-ICD non provocano lesioni al cuore

Gli shock erogati dai defibrillatori impiantabili transvenosi (TV-ICD) si associano ad alterazioni fisiologiche, micro-lesioni miocardiche e a una maggiore mortalità (1,2,3). Tuttavia, fino a questo momento non era chiaro se queste conseguenze si verificassero anche in seguito a shock erogati da defibrillatori  sottocutanei. Ora uno studio realizzato presso l’Ospedale Monaldi di Napoli, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Europace, ha finalmente indagato questo aspetto (4). È emerso che, a differenza dei TV-ICD, gli shock erogati dagli S-ICD non causano lesioni a livello del muscolo cardiaco.

I ricercatori hanno preso in considerazione 32 pazienti sottoposti a impianto di S-ICD. L’endpoint primario dello studio era costituito dalla gravità di eventuali micro-lesioni miocardiche, valutate mediante l’analisi dei livelli sierici di troponina cardiaca ad alta sensibilità (hs-CTnl) e di creatinchinasi-MB (CK-MB), prima e dopo uno shock erogato durante un test di defibrillazione (DFT) intraoperatorio. L’endpoint secondario, invece, era costituito dallo stress emodinamico, valutato attraverso la variazione dei livelli sierici di frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B (NT-proBNP) e di copeptina (CP), in seguito a uno shock erogato durante un DFT intraoperatorio. Dai risultati non sono emerse differenze, per quanto riguarda i livelli di hsCTnl e di CK-MB, a un’ora dall’erogazione dello shock e 6 e 24 ore dopo il DFT. Allo stesso modo, non sono emersi incrementi significativi in merito ai livelli di NT-proBNP. Invece, i livelli sierici di copeptina sono risultati più elevati a un’ora dall’erogazione dello shock, ma questa variazione è poi scomparsa alle valutazioni a 6 e a 24 ore.

Di conseguenza, gli autori dello studio concludono l’erogazione di shock da parte di un S-ICD non causa lesioni miocardiche negli esseri umani. Ulteriori studi sono necessari per confermare questi risultati ed effettuare  un confronto diretto tra TV-ICD e S-ICD in termini di danni cardiaci.

Vedi anche:
Update dal registro EFFORTLESS: dati positivi a lungo termine
S-ICD: dati positivi da un follow up a 6 anni

Bibliografia

1. Proietti R, Labos C, Davis M, et al. A systematic review and met-analysis of the association between implantable cardioverter defibrillator shocks and long-term mortality. Canadian Journal of Cardiology 2015; 31: 270 – 277.
2. Francis CK, Kuo YH, Azzam I, et al. Brain natriuretic peptide and biomarkers of myocardial ischemia increase after defibrillation threshold testing. Pacing and Clinical Electrophysiology 2012; 35: 314 – 319.
3. Semmler V, Biermann J, Haller B, et al. ICD shock, not ventricular fibrillation, causes elevation of high sensitive troponin T after defibrillation threshold – the prospective, randomized, multicentre trop-shock-trial. PLoS One 2015; 10: e0131570.
4. D’Onofrio A, Russo V, Bianchi V, et al. Effects of defibrillation shock in patients implanted with a subcutaneous defibrillator: a biomarker study. Europace 2017; 00: 1 – 7.

Ultimi articoli

Comunicazione ai soci AIAC di una violazione di dati personali (data breach) subita da AIM Italy S.r.l.

Si comunica a tutti i soci AIAC che la Società AIM Italy S.r.l., al quale AIAC ha affidato l'attività di organizzazione nel proprio congresso annuale, dei propri webinar e più in generale delle proprie attività formative, nei giorni scorsi ha subito un attacco informatico con utilizzo di malware di tipo ransomware cryptolocker.

Leggi

Elezioni AIAC 2022, l’elenco dei candidati

Dal 23 maggio 2022 al 12 giugno 2022 si terranno le elezioni per la nomina del Presidente Eletto e il rinnovo del Consiglio Direttivo Nazionale. Le elezioni si terranno per via telematica.

Leggi

Bando per la selezione del Direttore Editoriale AIAC biennio 2022-2024

Con il presente bando si invita chi fosse interessato a partecipare alla selezione per il ruolo di Direttore Editoriale AIAC, relativamente alla attività da svolgere per il Giornale Italiano di Cardiologia e il Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi