Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Il defibrillatore sottocutaneo nei pazienti con coronaropatia

Le linee guida dell’American Heart Association, dell’American College of Cardiology e dell’Heart Rhythm Society raccomandano (classe I) l’uso di un defibrillatore sottocutaneo (S-ICD) nei pazienti che soddisfano i criteri per un ICD e che hanno un accesso vascolare inadeguato o che presentano un alto rischio infettivo (1). Nonostante questa raccomandazione, in alcuni sottogruppi di pazienti – come quelli con coronaropatia (CAD) – i dati a lungo termine sono limitati. 

L’utilizzo di un S-ICD in questa categoria diagnostica è stato messo in discussione a causa della possibilità delle CAD di evolvere in cardiomiopatia ischemica (ICM), le cui risultanti cicatrici rappresentano un potenziale substrato per tachicardie ventricolari che potrebbero richiedere una stimolazione anti-tachicardica (ATP). Di recente, tuttavia, Willy e colleghi hanno analizzato gli esiti relativi a 45 pazienti con CAD sottoposti a impianto di S-ICD, presso un unico centro, per la prevenzione primaria o secondaria di morte cardiaca improvvisa (2). Di questi, 15 (33,3%) sono stati sottoposti a impianto di S-ICD dopo l’estrazione di un TV-ICD a causa di un’endocardite correlata all’elettrocatetere e 28 pazienti (62%) sono stati sottoposti all’impianto in prevenzione primaria (frazione di eiezione ventricolare sinistra ≤35%). Il follow up medio è stato di 22,5 ± 8,3 mesi, senza alcuna infezione correlata al sistema S-ICD registrata durante questo periodo.

Tre pazienti hanno ricevuto shock appropriati. In tutti i casi, l’aritmia ventricolare è stata risolta con il primo shock. Nonostante si pensi che i pazienti con ICM siano più inclini a sviluppare una tachicardia ventricolare monomorfa (VT) a causa della cicatrizzazione miocardica, in questo studio è stato trattato solo un episodio di questo tipo mentre 5 episodi di VT sono terminati da soli prima dell’erogazione della terapia. Tre pazienti hanno richiesto la sostituzione dell’S-ICD per esaurimento della batteria, dopo una mediana di 6 anni e mezzo. Altri due pazienti sono passati a un TV-ICD, di cui uno aveva sviluppato la necessità di terapia di resincronizzazione cardiaca e l’altro di stimolazione anti-bradicardica. Uno shock inappropriato si è verificato in un solo paziente (2,2%) a causa di un oversensing dell’onda T, il quale è stato poi risolto cambiando il vettore di sensing. In ogni caso questo tasso di shock non appropriati è risultato inferiore a quello riportato in precedenza, anche in pazienti con filtro SMART Pass attivo (4,3%) (3).

Sulla base di queste evidenze gli autori concludono che, grazie alla sua elevata efficacia e al basso tasso di eventi, l’S-ICD rappresenta una potenziale opzione preferenziale per la prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa nei pazienti con ICM e con endocardite infettiva correlata all’elettorcatetere. 

Vedi anche:
Le linee guida AHA, ACC e HRS su aritmie ventricolari e MCI
SMART Pass: un algoritmo per ridurre gli shock inappropriati

Bibliografia:

1. Al-Khatib SM, Stevenson WG, Ackerman MJ, et al. 2017 AHA/ACC/HRS Guideline for Management of Patients With Ventricular Arrhythmias and the Prevention of Sudden Cardiac Death: A Report of the American College of Cardiology/American Heart Association Task Force on Clinical Practice Guidelines and the Heart Rhythm Society. Circulation 2017; https://doi.org/10.1161/CIR.0000000000000549.
2. Willy K, Bettin M, Reinke F, et al. Feasibility of entirely subcutaneous icd systems in patients with coronary artery disease. Clinical Research in Cardiology 2019; doi: 10.1007/s00392-019-01455-5.
3. Theuns et al. Evaluation of a novel algorithm designed to reduce oversensing in the S-ICD [Presentation]. Heart Rhythm 2016 – 37th Annual Scientific Sessions; 4 – 7 maggio 2016; San Francisco, CA.

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi