Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Nuovi dati a conferma dell’efficacia di SMART Pass

SMART Pass update

La principale causa di morbilità nei pazienti con S-ICD è costituita dal verificarsi di shock inappropriati (IAS) causati da un oversensing dell’onda T. Per questo motivo è stato sviluppato SMART Pass, un filtro passa-alto che lavora selettivamente sulla frequenza in cui ricade l’onda T, consentendo di ottenere un miglior rapporto QRS-onda T e, in generale, un sensing più accurato del complesso QRS. La sua efficacia è stata valutata da Theuns e colleghi su una coorte di 1964 pazienti, seguiti mediante il sistema di monitoraggio da remoto LATITUDE (1).

Questi sono stati suddivisi in due gruppi: i soggetti del primo – SMART Pass ON (n = 655; 33%) – avevano questo filtro attivato, mentre quelli del secondo – SMART Pass OFF (1.329; 67%) – lo avevano disattivato. Dopo un anno di follow up sono stati registrati 880 shock, i quali sono stati valutati da tre revisori indipendenti per determinarne la causa e l’appropriatezza. La frequenza di IAS è risultata del 4,3% nel gruppo SMART Pass ON e del 9,7% nel gruppo SMART Pass OFF, una differenza statisticamente significativa (p<0,001). In generale, i pazienti con il filtro attivo hanno avuto una riduzione del 50% del numero di primi eventi trattati in modo inappropriato (p<0,001) rispetto ai pazienti con il filtro disattivato. Complessivamente, nel gruppo SMART Pass ON il rischio di IAS è risultato ridotto del 68%. Non sono emerse differenze tra i due gruppi, invece, per quanto riguarda la frequenza di shock appropriati (p=0,18) e il tempo medio impiegato per erogare la terapia (p=0,92), a conferma del fatto che SMART Pass non influenza la capacità dell’S-ICD di rilevare e trattare le aritmie ventricolari. Per quanto riguarda la probabilità di andare incontro a IAS per una tachicardia sopraventricolare – causa principale di IAS nei  dispositivi TV-ICD – questa è risultata più bassa rispetto a quella osservata negli studi TV-ICD (2), a prescindere dallo stato di attivazione del filtro SMART Pass.

Vedi anche:
SMART Pass: un algoritmo per ridurre gli shock inappropriati
Update dal registro EFFORTLESS: dati positivi a lungo termine

Bibliografia
1. Theuns DAMJ, Brouwer TF, Jones PW, et al. Prospective blinded evaluation of a novel sensing methodology designed to reduce inappropriate shocks by the subcutaneous implantable cardioverter-defibrillator. Heart Rhythm 2018; DOI: https://doi.org/10.1016/j.hrthm.2018.05.011.
2. Gasparini M, Proclemer A, Klersy C, et al. Effect of long-detection interval vs standard-detection interval for implantable cardioverter-defibrillators on antitachycardia pacing and shock delivery: the ADVANCE III randomized clinical trial. JAMA 2013; 309(18): 1903 – 11.

Ultimi articoli

Due anni di AIAC: il biennio 2018 – 2020

Un video per ripercorrere i momenti più significativi e sintetizza le iniziative più importanti portate avanti dall’Associazione negli ultimi due anni.

Leggi

COVID-19 e monitoraggio remoto: lacrime di coccodrillo o nuova opportunità?

Una lettera all’editore pubblicata sulla rivista Expert Review of Medical Devices ha affrontato il tema del monitoraggio remoto dopo la pandemia.

Leggi

Monitoraggio remoto della FA nei pazienti con scompenso portatori di device: lo studio REM-HF

Un'analisi dei risultati del più grande studio randomizzato sul ruolo del monitoraggio remoto nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Leggi