Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD: 40 J a volte possono bastare

S-ICD a 40 J possono bastare

L’efficacia di conversione in acuto del defibrillatore sottocutaneo (S-ICD) ad energie pari a 65 J è già stata dimostrata da diversi studi clinici. Il registro italiano Rhythm Detect, ha valutato invece l’efficacia del dispositivo ad un’energia pari a 40 J indagando anche l’associazione tra l’efficacia dello shock, le caratteristiche cliniche dei pazienti impiantati e il posizionamento del sistema.

Il test è stato eseguito su 308 pazienti. Il successo di conversione a 40 J (polarità standard) è risultato pari all’84%. All’analisi multivariata le variabili identificate come predittori indipendenti associate all’insuccesso dello shock sono state:

  • il sesso maschile (OR: 3.79; 95% CI: 1.09 to 13.14; p=0.036);
  • un alto indice di massa corporea, BMI (OR: 1.09; 95% CI: 1.01 to 1.19; p=0.036);
  • la cardiomiopatia dilatativa con ridotta FE (OR: 0.42; 95% CI: 0.20 to 0.87; p=0.019);
  • il valore del PRAETORIAN score >50 (OR: 2.93; 95% CI: 1.26 to 6.83; p= 0.013).

Considerando il contributo di ciascuna variabile, il tasso di conversione a 40 J aumenta dall’84% nella popolazione generale al 93% nelle donne, all’88% nei pazienti con BMI <26 kg/m2, all’89% nei pazienti con cardiomiopatia dilatativa e all’86% negli impianti con PRAETORIAN score <50. Ne deriva quindi che un’adeguata selezione del paziente (ad esempio, di sesso femminile o normopeso) oppure un posizionamento ottimale del dispositivo potrebbero far raggiungere un margine di sicurezza più elevato rispetto a quanto correntemente considerato sufficiente (=15 J) per gli S-ICD.

Questo lavoro, il primo nel suo genere, apre la strada a studi futuri destinati a dimostrare come un dispositivo ad energia di uscita più bassa, adatto per esempio ad un utilizzo pediatrico, possa risultare efficace quanto lo standard attuale. Il margine di sicurezza del defibrillatore sottocutaneo appare in realtà molto più elevato rispetto al valore generalmente testato durante l’impianto. Questo risultato è certamente rassicurante nella pratica clinica quando, nonostante le attuali linee guida, il test di conversione in acuto non venga eseguito per motivi clinici o per mancanza di inducibilità.

Bibliografia

Biffi M, Bongiorni MG, D’Onofrio A, et al.; “S-ICD Rhythm Detect” Investigators. Is 40 Joules Enough to Successfully Defibrillate With Subcutaneous Implantable Cardioverter Defibrillators? JACC Clin Electrophysiol. 2021 Jan 21:S2405-500X(20)31121-X. doi: 10.1016/j.jacep.2020.11.001. Epub ahead of print.

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi