Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD anche per i pazienti con necessità di stimolazione?

EMPOWER

Al fine di ampliare ulteriormente il numero di pazienti che possono trarre beneficio dall’uso dell’S-ICD, è in corso di sviluppo il sistema di stimolazione modulare EMPOWER (EMPOWER Modular Pacing System): una funzione che renderà disponibile l’S-ICD anche per i pazienti con necessità di stimolazione.

I dati EFFORTLESS (1) dimostrano ancora una volta che il numero di pazienti che necessitano di un reimpianto di ICD transvenoso per la necessità di stimolazione antibradicardica o antitachicardica è molto basso. Tuttavia, il sistema di stimolazione modulare EMPOWER potrebbe offrire anche a coloro che necessitano di tali stimolazioni l’opzione di una terapia interamente priva di elettrocateteri.

EMPOWER è un sistema costituito da un pacemaker cardiaco impiantabile senza elettrocateteri in grado di ricevere segnali wireless da un sistema S-ICD associato. In particolare, i sistemi S-ICD EMBLEM saranno retrocompatibili con il sistema di stimolazione modulare EMPOWER.

Tjong et al. hanno condotto un test su modelli animali e presentato i risultati in occasione di tre grandi congressi di cardiologia nel corso di quest’anno (2). Dallo studio del pacemaker cardiaco senza elettrocateteri è emerso che:

  • l’impianto è riuscito in tutti i casi;
  • la funzionalità di stimolazione è appropriata;
  • il tasso di riuscita dei tentativi di comunicazione wireless con l’S-ICD è elevato (99%);
  • l’S-ICD è in grado di discriminare correttamente il ritmo durante la stimolazione;
  • il tasso di riuscita di erogazione della stimolazione antitachicardica, ove richiesta dal sistema S-ICD, è elevato (99%);
  • la performance dell’S-ICD rimane inalterata in seguito all’erogazione della scarica.

Si può quindi concludere che, per i pazienti affetti da aritmie potenzialmente fatali che sviluppano una necessità di stimolazione e nei casi opposti, il sistema di stimolazione modulare EMPOWER offrirà una soluzione completa in grado di lasciare cuore e sistema vascolare completamente intatti.

Bibliografia

1. Boersma L et al. Performance and outcomes in patients with the Subcutaneous Implantable Cardiac Defibrillator through Mid Term Follow-up: The EFFORTLESS study. Heart Rhythm 2016 – 37th Annual Scientific Sessions; 4 – 7 maggio 2016; San Francisco, CA;
2. Tjong FVY, Brouwer TF, Kooiman KM, et al. Communicating Antitachycardia Pacing-Enabled Leadless Pacemaker and Subcutaneous Implantable Defibrillator. Journal of the American College of Cardiology 2016; 67(15): DOI:1016/j.jacc.2016.02.039.

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi