Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD: conferme di efficacia e sicurezza  

Nuove conferme sulla efficacia e sicurezza dell’S-ICD arrivano da due studi e un registro prospettico: non inferiorità dell’S-ICD rispetto al TV-ICD, meno complicanze correlate al dispositivo, basso tasso di shock inappropriati e una buona efficacia di shock appropriati in situazioni di vita reale.

Non-inferiorità di S-ICD rispetto a TV-ICD nel primo studio prospettico randomizzato di confronto diretto

Lo studio PRAETORIAN fornisce dati di confronto diretto randomizzati tra il defibrillatore cardioverter impiantabile sottocutaneo (S-ICD) e l’ICD transvenoso (TV-ICD), e conferma la non inferiorità dell’S-ICD rispetto al TV-ICD, con meno complicanze correlate al dispositivo e all’elettrocatetere, un tasso di infezione inferiore e un basso tasso di shock inappropriati per l’S-ICD.1

Nel dettaglio, l’S-ICD ha mostrato, rispetto al TV-ICD, un numero minore di complicanze correlate al dispositivo (5,9% contro 9,8%) e di complicanze entro i primi 30 giorni (3,8% vs 4,7%). Anche l’incidenza di complicanze correlate all’elettrocatetere è risultata inferiore (con significatività statistica) nel gruppo dell’S-ICD rispetto al gruppo del TV-ICD: 1,4% contro 6,6%.1

Il tasso di shock inappropriati era comparabile tra S-ICD e TV-ICD a 1 anno di follow-up: 4,8% per S-ICD vs 4,1% per TV-ICD1, ma il filtro SMART Pass non era disponibile, o attivato, nella maggior parte dei pazienti con S-ICD (78%) durante il loro

primo shock inappropriato nello studio PRAETORIAN (9,7%).1 I dispositivi contemporanei con questo filtro di sensing possono migliorare il tasso di shock inappropriati per S-ICD,1 come evidenziato dai risultati dello studio UNTOUCHED commentato qui di seguito. Si era inoltre verificato un basso tasso di cross-over da S-ICD a TV-ICD nei 4 anni di analisi dei dati.

Questi dati di confronto diretto confermano quindi la non inferiorità dell’S-ICD rispetto al TV-ICD in pazienti con caratteristiche più tipiche delle coorti di ICD studiate in precedenza (anziani, bassa frazione di eiezione, cardiomiopatia ischemica).

Studio UNTOUCHED: ultime generazioni di dispositivi S-ICD e programmazione prescrittiva in una tipica coorte di pazienti ICD (prevenzione primaria, LVEF ≤ 35%)

Il secondo è lo studio UNTOUCHED sulla prevenzione primaria in pazienti con bassa frazione di eiezione, ovvero la popolazione più comunemente indicata per la terapia con ICD, ed è il primo studio a valutare la programmazione standardizzata dell’S-ICD e la discriminazione del ritmo a frequenze molto elevate (250 bpm) utilizzando il filtraggio degli elettrogrammi e gli algoritmi contemporanei.2

Nella popolazione di pazienti studiata, lo studio UNTOUCHED ha dimostrato un’elevata efficacia e sicurezza con i dispositivi S-ICD e programmazione contemporanei, nonostante l’incidenza relativamente alta di comorbilità rispetto ai precedenti studi su S-ICD.2 Il tasso di shock inappropriati (3,1% a un anno in generale e 2,4% per i dispositivi di terza generazione) è il più basso riportato per l’S-ICD e inferiore a molti studi su TV-ICD che hanno utilizzato la programmazione contemporanea per ridurre gli shock inappropriati.2,3 Inoltre, sebbene il 90% dei pazienti presentasse un’insufficienza cardiaca sintomatica e più della metà avesse una coronaropatia, solo quattro pazienti (< 0,5%) hanno richiesto la sostituzione dell’S-ICD con un TV-ICD per indicazioni di stimolazione.2 L’S-ICD può essere quindi considerato in tutti i pazienti in prevenzione primaria senza indicazioni di stimolazione, indipendentemente dalla malattia cardiaca sottostante o dalla funzione ventricolare sinistra.2 La programmazione del dispositivo utilizzata in questo studio dovrebbe essere adottata di routine per evitare shock non necessari.2

Registro prospettico S-ICD PAS: alto tasso senza complicanze e buona efficacia dello shock appropriato

Infine, vengono esaminati i dati post-approvazione dello studio S-ICD PAS (Post-Approval Study), un grande registro prospettico che conferma un elevato tasso di assenza di complicanze e una buona efficacia per l’interruzione delle aritmie in situazioni di vita reale.4

Con un’incidenza di shock inappropriati del 6,8% senza l’uso di tecnologia SMART Pass, il tasso di shock appropriati a 1 anno era del 5,3% in una popolazione più malata rispetto ai precedenti registri S-ICD.4 Il tasso di assenza di complicanze è stato del 92,5%.4 L’efficacia degli shock iniziali e finali (fino a cinque shock) per i 127 episodi singoli di shock appropriati è stata rispettivamente del 91,3% e del 100%.4

Per maggiori dettagli, scarica il pdf.

Bibliografia

  1. Knops RE, Olde Nordkamp LRA, Delnoy PHM et al. Subcutaneous or transvenous defibrillator therapy. N Engl J Med. 2020; 383: 526-36.
  2. Gold MR, Lambiase PD, El-Chami MF et al. Primary results from the understanding outcomes with the S-ICD in primary prevention patients with low ejection fraction (UNTOUCHED) trial. Circulation. 2021; 143: 7-17.
  3. Boston Scientific. Data on file: Impact of SMART Pass and other advancements on reduction of inappropriate shocks for S-ICD. 2020.
  4. Burke MC, Aasbo JD, El-Chami MF et al. 1-year prospective evaluation of clinical outcomes and shocks: The subcutaneous ICD post approval study. JACC Clin Electrophysiol. 2020: 1204.

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi