Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD: dati positivi da un follow up a 6 anni

Follow up a 6 anni

Uno gruppi di ricercatori olandese, che aveva precedentemente presentato i dati relativi a 118 pazienti sottoposti a impianto di S-ICD tra dicembre 2008 e aprile 2011 (1),  ha ora pubblicato un aggiornamento di quei dati con un follow up a sei anni, il più lungo disponibile a oggi per uno studio sul defibrillatore sottocutaneo (2). I risultati hanno evidenziato un tasso di complicanze molto basso, pari al 3% per quanto riguarda le complicanze acute (0 – 30 giorni), al 12% per quelle a lungo termine (>30 giorni) e al 2% per quelle annuali.

Un solo paziente tra quelli considerati (0,8%) ha richiesto l’impianto di un TV-ICD per la stimolazione antibradicardica, mentre non si sono verificati guasti dell’elettrocatetere o infezioni sistemiche. Il tasso annuale di shock appropriati è risultato pari al 4%, un dato in linea con i TV-ICD (3), nonostante l’assenza di pacing antitachicardico (ATP). Quello di shock inappropriati è invece risultati pari al 5%, ma va considerato che lo studio in questione ha analizzato la performance di sistemi S-ICD di prima generazione, i quali non integravano l’algoritmo SMART Pass. In media, la longevità della batteria è risultata di 5,7 anni (IQR 5,3 – 6,0).

Vedi anche: Update dal registro EFFORTLESS: dati positivi a lungo termine

Bibliografia

1. Olde Nordkamp LR, Dabiri Abkenari L, Boersma LV, et al. The entirely subcutaneous implantable cardioverter-defibrillator: initial clinical experience in a large Dutch cohort. Journal of the American College of Cardiology 2012; 60: 1933 – 9.
2. Quast ABE, Yap SC, Van Dijk VF, et al. 651Six year follow-up of the initial dutch subcutaneous implantable cardioverterdefibrillator cohort: Long term complications and battery longevity. EP Europace 2017; 19: iii128 – iii9.
3. Moss AJ, Schuger C, Beck CA, et al. Reduction in inappropriate therapy and mortality through ICD programming. The New England Journal of Medicine 2012; 367: 2275 – 83.

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi