Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD: dati positivi da un follow up a 6 anni

Follow up a 6 anni

Uno gruppi di ricercatori olandese, che aveva precedentemente presentato i dati relativi a 118 pazienti sottoposti a impianto di S-ICD tra dicembre 2008 e aprile 2011 (1),  ha ora pubblicato un aggiornamento di quei dati con un follow up a sei anni, il più lungo disponibile a oggi per uno studio sul defibrillatore sottocutaneo (2). I risultati hanno evidenziato un tasso di complicanze molto basso, pari al 3% per quanto riguarda le complicanze acute (0 – 30 giorni), al 12% per quelle a lungo termine (>30 giorni) e al 2% per quelle annuali.

Un solo paziente tra quelli considerati (0,8%) ha richiesto l’impianto di un TV-ICD per la stimolazione antibradicardica, mentre non si sono verificati guasti dell’elettrocatetere o infezioni sistemiche. Il tasso annuale di shock appropriati è risultato pari al 4%, un dato in linea con i TV-ICD (3), nonostante l’assenza di pacing antitachicardico (ATP). Quello di shock inappropriati è invece risultati pari al 5%, ma va considerato che lo studio in questione ha analizzato la performance di sistemi S-ICD di prima generazione, i quali non integravano l’algoritmo SMART Pass. In media, la longevità della batteria è risultata di 5,7 anni (IQR 5,3 – 6,0).

Vedi anche: Update dal registro EFFORTLESS: dati positivi a lungo termine

Bibliografia

1. Olde Nordkamp LR, Dabiri Abkenari L, Boersma LV, et al. The entirely subcutaneous implantable cardioverter-defibrillator: initial clinical experience in a large Dutch cohort. Journal of the American College of Cardiology 2012; 60: 1933 – 9.
2. Quast ABE, Yap SC, Van Dijk VF, et al. 651Six year follow-up of the initial dutch subcutaneous implantable cardioverterdefibrillator cohort: Long term complications and battery longevity. EP Europace 2017; 19: iii128 – iii9.
3. Moss AJ, Schuger C, Beck CA, et al. Reduction in inappropriate therapy and mortality through ICD programming. The New England Journal of Medicine 2012; 367: 2275 – 83.

Ultimi articoli

AIAC Trentino-Alto Adige ricorda il Professor Furlanello

"È sempre difficile e doloroso dare l’addio a chi ci lascia. Lo è, in modo speciale, se si tratta di nostri cari, amici e conoscenti che ci sono particolarmente vicini. Ma l’addio risulta doloroso anche se, chi se ne va, ha lasciato, nel suo cammino terreno, un’impronta speciale, significativa, riconoscibile." Il ricordo del professor Furlanello da parte del Direttivo AIAC Sezione Regionale Trentino-Alto Adige.

Leggi

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

La nuova Area Riservata dei soci AIAC: da oggi cambia il modo di vivere l’Associazione

Da oggi è attiva un’Area Riservata dedicata a tutti i soci AIAC. Tutti i soci AIAC per continuare a rimanere associati dovranno obbligatoriamente registrarsi ed accedere all’Area Riservata.

Leggi