Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD vs. TV-ICD: complicanze e rapporto costo-efficacia

DL_S-ICD_vs_TV-ICD

Honarbakhsh et al hanno condotto uno studio con gruppo di controllo accoppiato per propensione per confrontare la sicurezza e l’efficacia di S-ICD e TV-ICD e hanno eseguito la prima analisi del rapporto costo-efficacia dell’S-ICD rispetto al TV-ICD. Sono stati inclusi tutti i 69 pazienti sottoposti a impianto di S-ICD in un periodo di 5 anni in un centro terziario di Londra. Nello stesso periodo, complessivamente 429 pazienti sono stati sottoposti a impianto di TV-ICD e 69 di questi sono stati accoppiati per propensione al gruppo di pazienti S-ICD. I dati relativi alle complicanze e alla mortalità associate al dispositivo sono stati raccolti durante un follow-up medio di 31 mesi nel gruppo di pazienti S-ICD e di 38 mesi nel gruppo di pazienti TV-ICD.

Il rischio relativo di complicanze associate al dispositivo era ridotto del 70% nel gruppo dei pazienti S-ICD rispetto al gruppo di pazienti TV-ICD: hanno manifestato complicanze il 9% dei pazienti (n=6) nel gruppo di pazienti S-ICD e il 29% (n=20) dei pazienti nel gruppo TV-ICD. Nel gruppo di pazienti S-ICD, 3 complicanze associate al dispositivo su 6 sono state shock inappropriati dovuti a oversensing dell’onda T e sono state gestite efficacemente con il cambio del vettore di sensing. Le complicanze associate all’elettrocatetere hanno rappresentato 6 delle 20 complicanze segnalate nel gruppo di pazienti TV-ICD. Tutte eccetto una hanno determinato l’espianto del dispositivo. Non sono state osservate complicanze associate all’impianto (verificatesi entro 30 giorni dall’impianto) nel gruppo di pazienti con S-ICD, mentre ne sono state segnalate due nel gruppo di pazienti TV-ICD.

I costi iniziali dell’impianto (costi del dispositivo e della procedura, compresa l’anestesia generale) erano più elevati per il gruppo di pazienti S-ICD rispetto al gruppo di pazienti TV-ICD (in totale $1.166.082 rispetto a $741.749), ma i costi delle complicanze associate al dispositivo, compresi degenza ospedaliera, costi associati alla procedura e costi del generatore e/o costi della sostituzione dell’elettrocatetere, erano significativamente inferiori nel gruppo di pazienti S-ICD rispetto al gruppo di pazienti TV-ICD (totale $23.784 rispetto a $199.251). Se il tasso di complicanze associate al dispositivo rimarrà stabile nei prossimi 5 anni, non ci saranno differenze di costo evidenti tra i due gruppi.

Bibliografia

Honarbakhsh S, Providencia R, Srinivasan N, et al. A propensity matched case-control study comparing efficacy, safety and costs of the subcutaneous vs. transvenous implantable cardioverter defibrillator. International Journal of Cardiology 2017; 228: 280 – 285

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi