Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

"S-ICD Why Not?": i risultati della survey

sicd-why-not-survey

Recentemente, alle linee guida della European Society of Cardiology è stata aggiunta una raccomandazione per l’utilizzo di defibrillatori cardioverter impiantabili per via sottocutanea (S-ICD). La survey “S-ICD Why not?”, un’iniziativa indipendente dell’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione (AIAC), ha quindi analizzato l’attuale pratica clinica nell’ambito dei defibrillatori cardioverter impiantabili (ICD) e valutato la suitability del S-ICD.

I dati relativi alle caratteristiche cliniche, alla selezione dei pazienti e ai fattori che guidano la scelta del tipo di defibrillatore sono stati raccolti da pazienti consecutivi sottoposti a impianto di ICD presso 33 centri italiani tra i mesi di settembre e dicembre del 2015. Un S-ICD è stato impiantato nel 12% dei pazienti senza indicazione di CRT (62 su 510 con dati disponibili). Questi sono risultati più giovani rispetto ai pazienti sottoposti a ICD transvenoso, spesso affetti da canalopatie e sottoposti a impianto di S-ICD come procedura di prevenzione secondaria per la morte improvvisa. L’impianto di ICD transvenoso è invece risultato motivato di frequente dalla necessità di stimolazione (45%) o di stimolazione antitachicardica (36%). Ciò nonostante, solo il 7% dei pazienti è risultato rispettare i criteri per la raccomandazione di un sistema di stimolazione permanente e il 4% dei pazienti è risultato caratterizzato da una storia di tachicardia ventricolare monomorfa trattabile con stimolazione antitachicardica.

In conclusione, la maggior parte dei pazienti sottoposti a impianto di ICD transvenoso è composta da soggetti potenzialmente candidabili all’impianto di un S-ICD. Ciò nonostante, la scelta di questo tipo di ICD sembra essere fatta soprattutto per motivi di prevenzione secondaria per la morte improvvisa in pazienti giovani affetti da canalopatie.

Vedi anche: Survey “S-ICD Why not?”. Il commento di Gianluca Botto

Bibliografia

Botto GL, Forleo GB, Capucci A, et al. The Italian subcutaneus implantable cardioverter-defibrillator survey: S-ICD, why not? Europace 2016 euw337. doi: 10.1093/europace/euw337

 

Ultimi articoli

Impatto delle 5 ondate della pandemia COVID-19 sull’attività dei centri aritmologici italiani: la nuova pubblicazione AIAC Ricerca

Guarda il video con i commenti del dottor Antonio D’Onofrio, Presidente AIAC, del professor Giuseppe Boriani, primo autore del lavoro e past director di AIAC Ricerca, e del professor Roberto De Ponti, attuale Direttore di AIAC Ricerca.

Leggi

XVIII Congresso Nazionale AIAC 2022: le relazioni sono online

Disponibili online le registrazioni video delle relazioni accreditate del XVIII Congresso Nazionale AIAC 2022.

Leggi

Ablazione di TV in pazienti con ICD, prima è meglio: il PARTITA trial

In occasione del 18° Congresso Nazionale AIAC abbiamo incontrato il Professor Paolo Della Bella (Unità Operativa di Aritmologia ed Elettrofisiologia, IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano) e gli abbiamo chiesto di commentare i risultati del PARTITA trial recentemente pubblicato su Circulation.

Leggi