Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Shock inappropriati e S-ICD: novità dallo studio UNTOUCHED

S-ICD e shock inappropriati

Un’efficacia elevata e un solido profilo di sicurezza dei defibrillatori sottocutanei (S-ICD) contemporanei, nonostante l’incidenza relativamente più elevata di comorbilità dei pazienti presi in considerazione rispetto ai precedenti studi sugli S-ICD, con un tasso di shock inappropriato (3,1% a un anno)  inferiore a quello di molti studi sui defibrillatori transvenosi (TV-ICD) che utilizzano la programmazione contemporanea per ridurre gli IAS. Questo emerge dallo studio UNTOUCHED pubblicato su Circulation che si occupa degli esiti con I-SCD in prevenzione primaria in pazienti con bassa frazione di eiezione.

Negli studi precedenti sugli S-ICD i pazienti erano in genere più giovani, avevano meno comorbilità, meno disfunzione ventricolare sinistra e avevano ricevuto più shock inappropriati (IAS) rispetto ai tipici studi sui TV-ICD.

Per ovviare a questo tipo di bias, lo studio UNTOUCHED è stato progettato per valutare il tasso di IAS in una popolazione di pazienti più tipica e attuale, facendo ricorso a una programmazione standardizzata e ad algoritmi di discriminazione avanzati.

Nello studio sono stati arruolati pazienti in prevenzione primaria con frazione di eiezione ventricolare sinistra (LVEF) ≤35% e nessuna indicazione di stimolazione, ai quali sono stati impiantati dispositivi S-ICD di seconda (EMBLEMTM ) o terza generazione ((EMBLEMTM ed EMBLEMTM MRI).

Si è trattato della prima ricerca ad avere una programmazione prescrittiva che non richiede terapie erogate per frequenze inferiori a 200 bpm, attivazione della zona condizionale da >200 bpm a 250 bpm e zona di solo shock ≥250 bpm. I pazienti sono stati seguiti per 18 mesi. L’endpoint primario era rappresentato dal tasso libero da IAS rispetto a un obiettivo di performance del 91,6%, derivato dai risultati per i pazienti nei bracci B e C dello studio MADIT-RIT.

La coorte aveva un’età media di 55,8 ± 12,4 anni, 25,6% donne, 23,4% razza nera, 53,5% con cardiopatia ischemica, 87,7% con insufficienza cardiaca sintomatica e una LVEF media di 26,4 ± 5,8%.

L’impianto di S-ICD è stato tentato in 1116 pazienti e 1111 pazienti sono stati inclusi nell’analisi di follow-up post-impianto. A 18 mesi il tasso privo di IAS è stato pari al 95,9% (quindi superiore all’obiettivo prestazionale stabilito, 91,6%, P <0,0001).

Ma anche l’endpoint secondario è stato soddisfatto. Infatti il tasso di assenza di shock per tutte le cause a 18 mesi è stato del 90,6% (obiettivo 85,8%, P <0,0001) mentre il tasso privo di complicanze a 30 giorni ha raggiunto il 95,8% obiettivo 93,8%, P <0,0001).

C’è da osservare che la tendenza dei tassi di IAS a un anno degli studi sugli S-ICD è in costante e sostanziale diminuzione nel tempo, e questo grazie soprattutto grazie alla programmazione della zona di shock condizionale e ai progressi tecnologici che hanno consentito di ridurre al minimo l’oversensing dell’onda T (ad esempio, il filtro SMART Pass). Ma dallo studio UNTOUCHED risulta evidente che ormai quei tassi sono la metà dei tassi dei TV-ICD. In particolare 3,1% per gli S-ICD EMBLEMTM (2° e 3° generazione) e 2,4% per gli EMBLEMTM MRI (solo 3° generazione).

Dal punto di vista clinico il dato più rilevante che proviene da UNTOUCHED è che l’S-ICD può essere preso in considerazione in tutti i pazienti in prevenzione primaria senza indicazioni di stimolazione, indipendentemente dalla funzione ventricolare sinistra o dalla cardiopatia sottostante. L’altro aspetto da evidenziare è che la programmazione del dispositivo utilizzata in questo caso, con algoritmi di discriminazione da 200-250 bpm, dovrebbe essere adottata di routine nei pazienti con S-ICD per evitare shock non necessari.

Per maggiori informazioni sullo studio UNTOUCHED: tinyurl.com/igiidow8

Bibliografia:
1. Schuger C, Daubert JP, Brown MW, et al. Multicenter automatic defibrillator implantation trial: reduce inappropriate therapy (MADIT-RIT): background, rationale, and clinical protocol. Ann Noninvasive Electrocardiol 2012; 17(3): 176-185.
2. Gold RM, Lambiase PD, El-Chami FM, et al. Primary results from the understanding outcomes with the S-ICD in primary prevention patients with low ejection fraction (UNTOUCHED) Trial. Circulation. 2021;143:7–17.

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi