Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

SMART Pass: un algoritmo per ridurre gli shock inappropriati

SMART_Pass

I dati EFFORTLESS dimostrano che l’S-ICD eroga scariche appropriate nel trattamento di TV/FV, con un tasso di efficacia superiore al 97% (1). Tuttavia, tutti i tipi di ICD possono occasionalmente erogare scariche inappropriate. SMART Pass è un nuovo filtro digitale concepito per ridurre il rischio di scariche causate da oversensing delle onde T,  migliorando così l’esperienza dei pazienti portatori di impianti S-ICD.

L’oversensing cardiaco rappresenta, secondo il registro EFFORTLESS (5,3%), la causa più comune di scariche inappropriate. L’S-ICD offre prestazioni superiori rispetto all’ICD transvenoso nel rilevamento della tachicardia sopraventricolare (SVT) e fibrillazione atriale (FA), nonché nella corretta sospensione dell’erogazione della terapia. Secondo il registro EFFORTLESS, soltanto l’1,5% dei pazienti è stato soggetto a scariche inappropriate a causa di SVT e FA.

Il nuovo algoritmo SMART Pass, disponibile nei sistemi S-ICD EMBLEMTM ed EMBLEM MRITM, rafforza l’algoritmo esistente INSIGHTTM  dell’S-ICD, che riconosce e classifica i diversi ritmi cardiaci. SMART Pass è un filtro digitale passa-alto di 9Hz concepito per ridurre le scariche inappropriate causate dall’oversensing delle onde T. Theuns et al (2016) hanno esaminato la performance di SMART Pass e documentato che (2):

  • SMART Pass riduce in modo significativo il numero di decisioni di trattamento inappropriato per oversensing delle onde T;
  • non è stata registrata alcuna riduzione della sensibilità a TV/FV;
  • la capacità dell’S-ICD di discriminare e sospendere terapie inappropriate per il trattamento di SVT è rimasta invariata.

Theuns et al hanno inoltre esaminato episodi reali della coorte EFFORTLESS con l’algoritmo SMART Pass. Secondo la loro stima, SMART Pass avrebbe ridotto del 71% gli shock inappropriati causati dall’oversensing, ridotto del 57% gli shock inappropriati in generale e raggiunto un tasso complessivo di shock inappropriati pari solo al 3,8%.

Vedi anche:
Studio EFFORTLESS: dati positivi a lungo termine
Studio EFFORTLESS: la sintesi di Lucas Boersma

Bibliografia

1. Boersma L et al. Performance and outcomes in patients with the Subcutaneous Implantable Cardiac Defibrillator through Mid Term Follow-up: The EFFORTLESS study. Heart Rhythm 2016 – 37th Annual Scientific Sessions; 4 – 7 maggio 2016; San Francisco, CA;
2. Theuns et al. Evaluation of a novel algorithm designed to reduce oversensing in the S-ICD [Presentation]. Heart Rhythm 2016 – 37th Annual Scientific Sessions; 4 – 7 maggio 2016; San Francisco, CA.

Ultimi articoli

Due anni di AIAC: il biennio 2018 – 2020

Un video per ripercorrere i momenti più significativi e sintetizza le iniziative più importanti portate avanti dall’Associazione negli ultimi due anni.

Leggi

COVID-19 e monitoraggio remoto: lacrime di coccodrillo o nuova opportunità?

Una lettera all’editore pubblicata sulla rivista Expert Review of Medical Devices ha affrontato il tema del monitoraggio remoto dopo la pandemia.

Leggi

Monitoraggio remoto della FA nei pazienti con scompenso portatori di device: lo studio REM-HF

Un'analisi dei risultati del più grande studio randomizzato sul ruolo del monitoraggio remoto nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Leggi