Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Uno studio degli esiti clinici a lungo termine dell’S-ICD

DL_effetti_clinici_LT_S-ICD

Uno studio retrospettivo condotto da Brouwer et al ha analizzato 1.160 pazienti sottoposti a impianto a S-ICD o TV-ICD tra il 2005 e il 2014 in due ospedali ad alti volumi nei Paesi Bassi. L’accoppiamento per propensione con 16 caratteristiche basali ha prodotto 140 coppie. La durata mediana del follow-up è stata di 5 anni per la coorte di riceventi TV-ICD e di 3 anni per la coorte di riceventi S-ICD.

Nel gruppo di pazienti S-ICD è stato osservato un tasso di complicanze del 13,7%, rispetto al 18% del gruppo di pazienti TV-ICD. I tassi complessivi di complicanze non erano significativamente diversi tra i gruppi, ma differiva la natura delle complicanze. Quelle associate all’elettrocatetere erano significativamente inferiori nel gruppo di pazienti S-ICD rispetto al gruppo di pazienti TV-ICD ( 0,8% rispetto all’11,5%) e la sopravvivenza dell’elettrocatetere era anch’essa significativamente più elevata nel gruppo di pazienti S-ICD rispetto al gruppo di pazienti TV-ICD (99,2% rispetto all’85,9%). L’incidenza di shock inappropriati era simile tra i due gruppi, così come quella di shock appropriati.

I pazienti con S-ICD mostravano un maggior numero di complicanze non associate all’elettrocatetere rispetto ai pazienti con TV-ICD (9,9% rispetto a 2,2%). Queste sono probabilmente dovute alla curva di apprendimento associata all’esperienza iniziale con S-ICD e sono destinate a diminuire grazie ai progressi recenti nella tecnologia degli S-ICD e al miglioramento delle pratiche.

Bibliografia

Brouwer TF, Yilmaz D, Lindeboom R, et al. Long-Term Clinical Outcomes of Subcutaneous Versus Transvenous Implantable Defibrillator Therapy. Journal of the American College of Cardiology 2016; 68(19): 2047 – 2055

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi