Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

S-ICD: dal sentiment agli sviluppi tecnologici

Luca Santini, cardiologo dell’Ospedale Giovan Battista Grassi di Roma, descrive alcuni risultati della survey AIAC “S-ICD Why not?”, i quali mettono in evidenza una sovrastima della necessità di stimolazione antibradicardica e di ATP nei pazienti candidabili all’impianto di un ICD.Il defibrillatore sottocutaneo  si presenta quindi, grazie anche ai recenti progressi tecnologici e relativi alla procedura di impianto, come una scelta sicura ed efficace per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Vedi anche:
Tecnica dell’impianto intermuscolare a due incisioni con Serratus Plane Block
SMART Pass: un algoritmo per ridurre gli shock inappropriati

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi