Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Impianto di S-ICD, visualizzazioni da record per il video di Giulio Molon

Il video in cui Giulio Molon, responsabile  dell’UOS  di  Elettrofisiologia  e Cardiostimolazione dell’ospedale S.Cuore di Negrar (VR), mostra le varie fasi della procedura d’impianto a tre incisioni dell’S-ICD ha recentemente superato le 100.000 visualizzazioni su Youtube, un dato al quanto sorprendente data la natura scientifica e altamente specializzata del contenuto.

Nel filmato Molon descrive l’intervento in tempo reale: il confezionamento della tasca, in cui verrà successivamente posizionato il generatore di impulsi; le seguenti due incisioni, una a livello del processo xifoideo e l’altra in corrispondenza del manubrio dello sterno affinché il coil dell’elettrodo venga posizionato in corrispondenza dell’apice cardiaco; l’inserimento dell’elettrodo, attraverso due tunnel sottocutanei che collegano le tre incisioni.

Dal 2012 ad oggi, tuttavia alla procedura d’impianto dell’S-ICD sono state apportate delle modifiche che hanno reso la terapia ancora più sicura ed efficace (come dimostrato dai recenti studi). La nuova procedura prevede l’abolizione completa dell’incisione parasternale superiore e la creazione di una tasca intermuscolare. Questa tecnica permette di impiantare il dispositivo a un livello più profondo, consentendo di ridurre significativamente la DFT (energia minima necessaria per interrompere le aritmie ventricolari) e il numero di shock inappropriati. Lo stesso Molon riferisce di questa nuova tecnica nell’area dei commenti al video, in cui vediamo intervenire più pazienti che specialisti, interessati ad avere una testimonianza visiva di un intervento a cui si dovranno sottoporre o in cui sono già incorsi.

Vedi anche:
Impianto sottocutaneo a tre incisioni: l’intervento
Tecnica intermuscolare a due incisioni, la video-animazione 3D
Electrode Delivery System nell’impianto a due incisioni

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi