Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

L’evoluzione delle indicazioni all’impianto di un defibrillatore sottocutaneo

Antonio d’Onofrio, responsabile dell’UOSD di Elettrofisiologia, Studio e Terapia delle Aritmie dell’Ospedale Monaldi di Napoli, spiega come sono cambiate nel tempo le indicazioni all’impianto di un defibrillatore sottocutaneo, arrivando a coprire circa il 70% dei pazienti candidati all’impianto di un defibrillatore.

Vedi anche:
Le linee guida AHA, ACC e HRS su aritmie ventricolari e MCI
Impianto di S-ICD. Dalle linee guida alla pratica clinica

Ultimi articoli

Due anni di AIAC: il biennio 2018 – 2020

Un video per ripercorrere i momenti più significativi e sintetizza le iniziative più importanti portate avanti dall’Associazione negli ultimi due anni.

Leggi

COVID-19 e monitoraggio remoto: lacrime di coccodrillo o nuova opportunità?

Una lettera all’editore pubblicata sulla rivista Expert Review of Medical Devices ha affrontato il tema del monitoraggio remoto dopo la pandemia.

Leggi

Monitoraggio remoto della FA nei pazienti con scompenso portatori di device: lo studio REM-HF

Un'analisi dei risultati del più grande studio randomizzato sul ruolo del monitoraggio remoto nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Leggi