Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Tecnica intermuscolare a due incisioni, la video-animazione 3D

Nell’ambito delle procedure di impianto del defibrillatore sottocutaneo è stata recentemente introdotta, con l’obiettivo di evitare le complicanze alla tecnica di impianto tradizionale, la cosiddetta tecnica intermuscolare a due incisioni. Questa prevede l’abolizione completa dell’incisione superiore e la creazione di una tasca intermuscolare tra la superficie anteriore del muscolo dentato anteriore e la superficie posteriore del muscolo grande dorsale – in corrispondenza degli archi costali medi di VII e VIII costa a sinistra – dove viene posizionato il generatore. Sulla piattaforma EDUCARE è disponibile una video-animazione 3D, realizzata da Andrea Droghetti – cardiologo della Struttura Complessa di Chirurgia Toracica dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova –, che illustra tutte le fasi dell’intervento.

VAI ALLA VIDEO-ANIMAZIONE

Vedi anche:
I vantaggi associati alle nuove tecniche di impianto dell’S-ICD
Le novità relative alla procedura di impianto dell’S-ICD
Electrode Delivery System nell’impianto a due incisioni
Tecnica a due incisioni con Serratus Plane Block

Ultimi articoli

Partecipa alla nuova survey AIAC sulla CRT

La survey "Terapia di resincronizzazione cardiaca: selezione del paziente, programmazione della procedura e tecnica di impianto" è proposta dall’Area AIAC dedicata alla CRT.

Leggi

Focus On AIAC sulla sleep apnea. Online le slide dei relatori

È ora possibile accedere a una selezione delle diapositive presentate nel corso dei tre seminari Focus on AIAC sulla sleep apnea, tenutosi nel mese di gennaio a Bologna, Napoli e Reggio Calabria.

Leggi

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza della terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale non erano ancora noti. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 è stato uno dei primi a dimostrarne l'efficacia. Un articolo di Pietro Palmisano.

Leggi