Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Studio EFFORTLESS: la sintesi di Lucas Boersma

Lucas Boersma, cardiologo del St. Antonius Hospital di Nieuweigen (Paesi Bassi), riassume i risultati dello studio EFFORTLESS, presentati in occasione del meeting della Heart Ryhthm Society (HRS) di San Francisco. I dati del registro, relativi a quasi 1000 pazienti con S-ICD con un follow-up medio di 3,1 anni, confermano che il dispositivo presenta un eccellente profilo di sicurezza ed efficacia a lungo termine.

https://www.youtube.com/watch?v=RZMiQMeFcvw

Vedi anche: Studio EFFORTLESS: dati positivi a lungo termine

Bibliografia

Boersma L et al. Performance and outcomes in patients with the Subcutaneous Implantable Cardiac Defibrillator through Mid Term Follow-up: The EFFORTLESS study. Heart Rhythm 2016 – 37th Annual Scientific Sessions; 4 – 7 maggio 2016; San Francisco, CA.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi