Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Survey “S-ICD Why not?”. Il commento di Gianluca Botto

Una fotografia attendibile su come, nella pratica clinica attuale, viene adottata la nuova possibilità terapeutica dell’ICD sottocutaneo (S-ICD) rispetto ai dispositivi tradizionali. Gianluca Botto, direttore dell’UO Elettrofisiologia dell’Ospedale Sant’Anna di Como e Past president dell’AIAC, commenta i risultati della survey nazionale “S-ICD System: why not?”, pubblicati sulla rivista Europace.

Vedi anche: “S-ICD Why Not?”: i risultati della survey

Bibliografia

Botto GL, Forleo GB, Capucci A, et al. The Italian subcutaneous implantable cardioverter-defibrillator survey: S-ICD, why not? Europace 2016 euw337. doi: 10.1093/europace/euw337

Ultimi articoli

La nuova survey AIAC sulla gestione delle recidive post-ablazione di FA. Partecipa!

La nuova survey AIAC, "Gestione delle recidive post-ablazione di fibrillazione atriale", è online.

Leggi

Pandemia COVID-19 e impianto di pacemaker in urgenza

Uno studio sul numero di impianti urgenti di pacemaker in Veneto durante le settimane precedenti e successive al propagarsi del COVID-19 e durante il corrispondente periodo del 2019.

Leggi

Il pacing nella sincope vasovagale: storia di una sfida mai vinta

La storia del pacing nella sincope vasovagale, da quando l’osservazione che alcuni pazienti con sincopi vasovagali recidivanti presentavano una risposta cardionibitoria al tilt test suggerì che questi pazienti potessero beneficiare dell’impianto di un pacemaker.

Leggi